Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:SAN MINIATO13°22°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
venerdì 14 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Rocco Hunt fa visita agli Azzurri in Germania per Euro 2024 e canta nello spogliatoio:

Attualità mercoledì 20 agosto 2014 ore 10:00

Santa Maria a Monte e la Liberazione dai tedeschi

Soldati americani tra le macerie, dopo la Liberazione

Claudio Biscarini, storico e giornalista, ripercorre le vicende di quella tragica estate del 1944. Furono 47 i morti, dal 20 luglio al 27 agosto



PROVINCIA DI PISA — Santa Maria a Monte, per la sua posizione dominante l’Arno e la sua riva sud, era diventata nell’estate del 1944 un caposaldo importante della difesa tedesca.

Perfino il generale Frido von Senger und Etterlin, comandante del XIV Panzer-Korps, per un certo lasso di tempo, vi aveva posto il suo comando. Dal 18 luglio 1944, si erano stanziati nel territorio comunale i soldati del Panzer-Grenadier-Regiment 9. della 26. Panzer-Division, guidati dal generale Peter Eduard Crasemann.

“Questa divisione, il 23 agosto 1944, si renderà responsabile della strage di 176 innocenti del Padule di Fucecchio – spiega Claudio Biscarini, giornalista, direttore del Centro di Documentazione Internazionale Storia Militare e autore di numerosi saggi sulla storia della seconda guerra mondiale in Toscana –. In particolare, a 4 chilometri a ovest di Santa Maria a Monte si piazzarono i militari della 7.a Kompanie. Da quel momento, la guerra divenne di posizione su quella linea Heinrich che bloccò la marcia degli Alleati per 40 giorni . A sud, erano schierati gli americani delle divisioni di fanteria 88° e 91°, a cui davano manforte, soprattutto come guide, alcuni partigiani della zona o che erano rientrati dal Senese dove avevano fatto parte della 23a Brigata Garibaldi “Guido Boscaglia”. Le opposte artiglierie iniziarono a sconvolgere la vita dei civili rimasti presso le linee di combattimento, dopo che il 16 e il 22 luglio i tedeschi avevano emesso ordini di sfollamento”.

Anche le demolizioni iniziarono a deturpare i paesi. Aggiunge Biscarini. “Il 13 luglio, come si rileva da una memoria di don Pietro Nazzi, parroco della parrocchia di San Giuseppe e Sant’Anna di San Donato di Santa Maria a Monte, i tedeschi fecero saltare il campanile alto 33 metri della sua chiesa. Il 20 luglio, una salva di cannone americano, ammazzava sei persone. Altri morti il 21 luglio e il 22. Continuavano anche le fucilazioni. Il 15 luglio erano stati fucilati a Montefalcone due giovani militari, probabilmente disertori da un battaglione del Genio: Carlo Ciampi da Sesto Fiorentino e Valtere Assioli da Cantagallo”.

Sulle rive del fiume Arno, ad aiutare gli obici americani, erano spesso “…in volo i piccoli aerei da ricognizione, detti familiarmente “cicogne” dai civili. Anche i cacciabombardieri statunitensi facevano il loro lavoro, mitragliando anche i civili forse scambiati per tedeschi”.

Il 28 luglio, il soldato tedesco Kurt Baden scriveva nel suo diario: “Assieme a Günter Mann sono in forza al plotone di lanciarazzi pesante. Il plotone si trova nella zona di Santa Maria a Monte, nei pressi di una chiesa”.

Nella notte tra il 31 luglio e il 1 agosto – riprende Claudio Biscarini – le divisioni di fanteria americana “furono ritirate e sostituite dalla 1a Divisione Corazzata. Nella zona di Santa Maria a Monte, gli Alleati avevano individuato alcune batterie di artiglieria e di mortai, coma la 8.a Kompanie, con mortai da 81 mm, del Panzer-Grenadier-Regiment 9. Proveniente da Staffoli. I pezzi tedeschi seminavano morte a Montopoli e Varramista, al di là del fiume. L’Arno, nottetempo, veniva attraversato da pattuglie di ambo gli eserciti, con lo scopo di raccogliere informazioni sul nemico. Ma soprattutto l’artiglieria e gli aerei facevano sentire la loro voce”.

Il 22 agosto, un semicingolato tedesco della 5. Kompanie del Panzer-Grenadier-Regiment 9., venne “distrutto da un velivolo mentre usciva da Santa Maria a Monte. Furono feriti il Feldwebel Bertermann il Gefreiter Eckler e un soldato. Un solitario semovente tedesco veniva avvistato dalla ricognizione americana a Montefalcone, mentre sparava oltre Arno. Il 25 agosto, partivano da Santa Maria a Monte i soldati della 26. Panzer-Division diretti sull’Adriatico. Agli statunitensi della 1a Divisione corazzata veniva aggiunto il 370° reggimento fanteria della 92a Divisione, formato da elementi di colore. Ormai eravamo agli ultimi giorni di occupazione, con i pochi fanti tedeschi della 65. Infanterie-Division che tenevano la linea. I tedeschi erano veramente pochi, anche se mantenevano qualche cannone semovente per dare l’impressione di essere ancora in forze. Nella notte tra il 31 agosto e il 1 settembre 1944, alla fine i Combat Command A e B della 1° Divisione Corazzata statunitense, assieme ai fanti del 370° reggimento, passarono finalmente l’Arno e si spinsero verso nord. A Santa Maria a Monte, il Proposto monsignor Umberto Gazzini, dava notizia sul Libro dei Morti dei civili caduti: ben 47 dal 20 luglio al 27 agosto 1944”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Musica, cibo e divertimento a San Miniato Basso, per festeggiare insieme all'estate e ricordare il centenario della frazione che fu Pinocchio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Politica