Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:SAN MINIATO14°18°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
sabato 01 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
La drammatica battaglia per l'acciaieria Azovstal di Mariupol vista con gli occhi del soldato-cameraman: le immagini

Politica venerdì 27 gennaio 2017 ore 16:00

Concerie, la verità è un'altra

Il consigliere regionale Pd Andrea Pieroni replica a Nicchi: “Ricerca del centro di Vecchiano non è attendibile, a chi fa gioco gettare discredito?"



SANTA CROCE SULL'ARNO — “Approfondire la situazione occupazionale del distretto del cuoio non è certo cosa disdicevole, ma serve farlo in maniera vera e responsabile con numeri attendibili. Voglio ricordare all’onorevole Nicchi come ho già fatto nei mesi scorsi replicando in Consiglio regionale ad una mozione dal contenuto analogo del gruppo Sì Toscana a Sinistra, che la ricerca, “Una storia di cuoio”, su cui si basa l’atto, non è un punto di partenza attendibile. 

Anzi, rappresenta una realtà che non esiste. Più volte le tesi di questa analisi sono state confutate, dunque dispiace assistere, di nuovo, al tentativo di gettare in cattiva luce un sistema imprenditoriale con una lunga tradizione alle spalle e un forte legame col territorio. Il distretto del cuoio di Santa Croce sull’Arno è una realtà in cui da decenni gli imprenditori investono risorse per migliorare standard di sicurezza sul lavoro e qualità dell'ambiente. Mi fa piacere leggere che la Cgil parla di un ‘polverone che non serve’. Non si capisce a chi faccia gioco insistere, questa volta con un’interrogazione parlamentare, sui risultati diffusi dal Centro Nuovo Modello di Sviluppo di Vecchiano. 

Non mi sottraggo al confronto sul tema, ma sono convito che serva farlo basandosi su numeri validi. Nella ricerca si parla di 12.700 addetti. I dati UNIC ci dicono invece che i dipendenti del distretto sono 5874 e che possono arrivare a 7000 se prendiamo in considerazione anche gli interinali. A fronte di questi numeri, qual è il bacino di riferimento della ricerca? Il distretto del cuoio è una realtà ben precisa, i numeri esistono e meritano di essere analizzati correttamente. Ne fanno parte sei Comuni, 5 della provincia di Pisa e 1 dell’area fiorentina, raccoglie 600 aziende, registra 1,5 miliardi di fatturato all’anno.

Credo che sarebbe l’ora di lasciare perdere questa analisi e concentrarsi, invece, su dati più recenti che meritano attenzione e impegno. Mi riferisco a quelli resi noti pochi giorni fa dalla Camera di Commercio pisana che nel terzo semestre 2016 registrano una flessione delle esportazioni del settore conciario verso Hong Kong, Cina, Polonia, Taiwan – ottimi invece i risultati conseguiti in Francia, India e Stati Uniti. Cerchiamo di analizzare il perché di alcuni dati col segno meno, dato che il 70 per cento della produzione del distretto è destinato proprio all’export. Non mi sono mai sottratto ad esaminare tematiche legate al mondo del lavoro, quando vi è una vertenza ho sempre messo e sempre indirizzato tutto il mio impegno alla salvaguardia dei livelli e delle condizioni occupazionali. Ma semplicemente la fotografia scattata dal centro di ricerca di Vecchiano è sbagliata, non corrisponde al vero. Chiedo perché continuare ad insistere in questa direzione invece di guardare e approfondire numeri molto più attuali e verificabili? L’invito che faccio a tutti è quello di lavorare insieme per questo distretto, senza infangarne la storia e l’operato dei protagonisti, che sono imprenditori e lavoratori”.

Così Andrea Pieroni, consigliere regionale Pd, interviene sul dossier realizzato dal Centro Nuovo Modello di Sviluppo di Vecchiano, “Una dura storia di cuoio”.

La vicenda è nata con una interrogazione parlamentare al ministro del lavoro sulle condizioni di lavoro nel distretto industriale del cuoio di Santa Croce sull’Arno. A presentarla è la deputata toscana di Sinistra Italiana Marisa Nicchi, che chiede al ministro se è al corrente delle difficoltà nelle quali sono costretti a lavorare molte persone, prevalentemente straniere.

A testimonianza di queste condizioni, nell’interrogazione viene citato il dossier Una dura storia di cuoio realizzato dal Centro Nuovo Modello di Sviluppo e Abiti Puliti, nel quale si riporta che nel 2014 i lavoratori interinali sono stati 3.451, ma i contratti stipulati sono stati 5.021, uno e mezzo a testa. Secondo quanto scritto nel report, sarebbero diffusi persino contratti di 4 ore.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel bollettino di oggi, venerdì 30 Settembre, sono stati riportati oltre 9mila tamponi processati. In Provincia di Firenze oltre 440 nuovi contagi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità