Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:00 METEO:SAN MINIATO10°21°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
giovedì 28 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Casellati contro Santangelo (M5S): «Lei è un grande maleducato, io l'ammonisco

Attualità sabato 10 luglio 2021 ore 09:32

Tre scuole più sicure e funzionali

La scuola di Marti

Grazie a Crédit Agricole e Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato, interventi sull’edilizia scolastica di Capanne, Montopoli e Marti



MONTOPOLI IN VAL D'ARNO — L’intervento da oltre 325mila euro messo in campo da Crédit Agricole e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato per sostenere la riapertura delle scuole a inizio Settembre è stato utilizzato anche dall’amministrazione comunale di Montopoli in val d’Arno per la sua quota parte. Ai due istituti va il ringraziamento del sindaco Giovanni Capecchi "per aver ascoltato non solo il nostro territorio, ma l’intero Comprensorio del Cuoio".

"Gli interventi sull’edilizia scolastica ci permettono di accogliere gli studenti e le studentesse nel migliore dei modi" ha aggiunto il primo cittadino.  Il contributo di quasi 60mila euro è stato mutuato per la realizzazione di tre interventi rispettivamente alla scuola dell’infanzia di Capanne, alla scuola dell’infanzia di Montopoli capoluogo e alla scuola primaria di Marti.

Gli interventi realizzati hanno riguardato essenzialmente opere edili per l'adeguamento e adattamento funzionale di spazi, ambienti e aule didattiche per l'emergenza sanitaria da Covid-19, nonché il miglioramento e la implementazione degli impianti tecnologici per una migliore distribuzione della luce all’interno degli ambienti in base all’esigenza degli utenti secondo i principi di maggior uniformità, miglioramento del contrasto e della resa cromatica mediante l'installazione di nuove plafoniere a led. 

Alla Scuola Primaria di Marti, infine, è stato installato un montavivande di collegamento tra il locale refettorio e la cucina della scuola stessa, non solo in quanto collocati su piani diversi, ma ritenuto necessario per separare gli operatori esterni della mensa dagli alunni e dai docenti, al fine di ridurre le occasioni di contatto e di interferenza.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La sindaca Deidda ha fatto il punto sui numeri, che segnalano un incremento nelle quarantene. Raccomandazioni alla prudenza
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità