Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:SAN MINIATO14°18°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
venerdì 30 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
La drammatica battaglia per l'acciaieria Azovstal di Mariupol vista con gli occhi del soldato-cameraman: le immagini

Attualità sabato 26 agosto 2017 ore 13:01

Musei e visite guidate, grande afflusso di persone

Santa Maria a Monte traccia un bilancio degli ultimi mesi con tantissime presenze nel paese anche grazie a "speciali" guide turistiche



SANTA MARIA A MONTE — A partire dal momento più importante della festività della Patrona Beata Diana Giuntini (il lunedì di Pasqua), passando per le iniziative di promozione delle attività del progetto “SMAM Il borgo che vorrei” e fino alle recenti attività estive legate alla sagra del nostro prodotto tipico, la patata, è stato possibile grazie al progetto di alternanza scuola-lavoro attivato dal comune di Santa Maria a Monte con l’istituto Superiore Liceo Scientifico XXV Aprile di Pontedera ha aperto le porte a centinaia di persone

I ragazzi hanno coadiuvato i volontari dell’Associazione Eumazio (coordinati dalla Presidente Patrizia Marchetti) nell’attività di “ciceroni” presso il Museo Casa Carducci, la Torre dell’Orologio il Parco archeologico della Rocca e il Museo Civico Beata Diana Giuntini.

Hanno inoltre guidato i visitatori alla scoperta di quella che abbiamo denominato la “città sotterranea” o il “castello nascosto” ossia quella rete di cunicoli che corrono sotto le abitazioni del centro storico e che fanno riscoprire come è nato il borgo e come si sia evoluto nel corso dei secoli.

I visitatori hanno apprezzato la presenza degli studenti e li hanno seguiti nelle loro spiegazioni.

Nei giorni dal 17 al 21 agosto (Sagra della patata) sono stati presenti presso le strutture museali e i sotterranei aperti e dopo cena hanno collaborato attivamente alla riuscita delle visite guidate al complesso del centro storico.

"Diventa difficile fare un conteggio delle presenze - ha detto il sindaco Ilaria Parrella - essendo tutto libero e gratuito, ma le serate hanno visto una massiccia presenza di visitatori, mediamente una cinquantina di persone ogni sera che hanno fatto la visita completa (di circa un’ora e mezza) ma si sono intercettate almeno 300 persone a serata, entrate all’interno delle strutture museali e/o dei sotterranei aperti. La presenza degli studenti/guide ha permesso sia ai cittadini ma anche ai numerosi visitatori dei comuni vicini e delle province toscane, di vedere un nuovo aspetto del nostro centro storico".

"Desidero ringraziare pubblicamente tutti i ragazzi partecipanti - ha detto ancora il sindaco Parrella - e in particolare il Preside per avere permesso al nostro Comune di realizzare questo progetto con gli alunni della Classe 3° D, infine un sentito ringraziamento al lavoro di preparazione fatto dal prof. Paolo Morelli e dall’Associazione Eumazio di S.Maria a Monte grazie ai quali i ragazzi sono diventati delle ottime guide turistiche per condurre i visitatori a scoprire le bellezze artistiche, archeologiche ed archivistiche del nostro Comune".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel bollettino di oggi, giovedì 29 Settembre, sono stati riportati oltre 11mila tamponi processati. In Provincia di Firenze registrati 4 nuovi decessi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità