QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SAN MINIATO
Oggi 7° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
mercoledì 19 febbraio 2020

Attualità sabato 08 febbraio 2020 ore 18:00

Falde acquifere, istanza dell'Unione Inquilini

Si chiede ai sindaci del Comprensorio cosa intendono fare, alla luce del rapporto Arpat “Monitoraggio Corpi Idrici sotterranei risultati 2016-2018”



SANTA CROCE SULL'ARNO — La sezione Valdarno Inferiore dell'Unione Inquilini Pisa ha inviato una istanza/petizione a tutti i comuni del Comprensorio del Cuoio, in riferimento a quanto reso noto da Arpat con il rapporto “Monitoraggio Corpi Idrici sotterranei risultati 2016-2018” 

"Nel suddetto rapporto - riferisce l'avvocato Luca Scarselli, responsabile per l'Unione Inquilini - si evidenzia che: “nel dettaglio, si confermano tra gli stati scarsi dei corpi idrici a rischio varie situazioni riconducibili a contaminazioni antropiche di tipo urbano e/o industriale (Firenze 11AR011, Prato 11AR012), contaminazioni antropiche di tipo agricolo (falda profonda Chiana 11AR030-1) ed alterazioni antropiche del fondo naturale possibilmente originate da stress quantitativi (falda profonda Chiana 11AR030-1 , Santa Croce 11AR024, Valdelsa 11AR060, Piana del Cornia 32CT020, Pianure Elbane 32CT090)".

"Da quanto emerge dal testo del rapporto - scrive Scarselli - sembra emergere che le falde acquifere di Santa Croce sull'Arno risultino avere dei problemi e logicamente possiamo immaginare che la solita situazione sia presente nel territorio dei Comuni del
comprensorio del Cuoio. Così, abbiamo chiesto ai Sindaci semplicemente cosa abbiano intensione si fare sulla suddetta problematica".



Tag

L'Insediamento della presidente della Regione Calabria Jole Santelli

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Politica

Attualità