Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:SAN MINIATO20°35°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
mercoledì 06 luglio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Carlos Santana sviene durante un concerto, il panico e i soccorsi sul palco

Attualità domenica 30 ottobre 2016 ore 12:05

Il grande cuore di piazza Bastione

L'opera dell'artista Alessandro Reggioli è stata presentata nella centrale vetrina a cielo aperto



SAN MINIATO — A un anno di distanza dalla prima installazione artistica Non è vero ma ci credo di Christian Balzano, dopo la Grande Aurora di Franco Mauro Franchi e Styx di Günther Stilling, una nuova importante scultura è arrivata ad animare piazza del Bastione,. Si tratta di Safety heart armour di Alessandro Reggioli.

A presentare l'installazione sabato c'erano il sindaco Vittorio Gabbanini, l’assessore Gianluca Bertini, Filippo Lotti della Fondazione San Miniato Promozione e vice presidente del Cra, Alessandro Sarti ex assessore del Comune di Pontassieve l’artista Alessandro Reggioli.

L’opera in mostra fa parte della serie Heart Armours (armature per il cuore) e rappresenta un grande cuore realizzato in lamiera di ottone patinato, creato a somiglianza delle armature usate dai cavalieri medievali. Si tratta di un organo visto nella sua molteplicità di significati, non ultimo quello iconografico, centro di energia, pompa della vita, scrigno, ridisegnato e riassemblato creando una mitografia contemporanea.

La scultura allestita per la 46esima Mostra Mercato Nazionale del Tartufo Bianco di San Miniato, resterà fino al 19 febbraio 2017. Il cuore, artisticamente, nasce nel 2006 per la personale dell’artista al Palazzo Pretorio di Certaldo (Fi) e l’anno successivo l’opera viene esposta ad un’altra personale al Teatro Romano e Museo Archeologico di Fiesole (Fi) senza cambiare aspetto. Nel 2011 viene presentata ad una collettiva di scultura a Roma, a Villa Torlonia. A curare l’evento di San Miniato sono Filippo Lotti della Fondazione San Miniato Promozione e Roberto Milani della Casa d’Arte San Lorenzo.

“Un’altra splendida scultura va a preannunciare l’inizio della Mostra del tartufo, come avevamo promesso – dichiara il sindaco -. E nel centro della Città non potevamo non mettere un cuore, il fulcro della nostra energia, elemento che simboleggia il motore dell'organismo umano, ma anche fonte di sentimento. Con questa installazione l'arte contemporanea ha continuato ad avere la sua vetrina a San Miniato, in questo splendido salotto a cielo aperto, dove saprà intrattenere ed essere ammirata dai numerosi visitatori presenti alla nostra kermesse”.

L’artista, fiorentino di nascita (classe 1971), si diploma al Liceo Artistico nella sua città e frequenta l’Accademia di Belle Arti. La sua espressione artistica si articola tra la pittura ad olio, la stampa e l’incisione fino alla scultura. Reggioli ha intrapreso un percorso espositivo che lo ha condotto rapidamente a traguardi di prestigio. Comincia a esporre fin dai primi anni Novanta: nel ’95 ottiene già una personale in Germania e una a Firenze. Allestisce, tra le altre, personali a Roma, Hong Kong, Pietrasanta, a Napoli, Milano, alla Pinacoteca Civica di Bondeno (Fe), Alessandria, alla Sala delle Colonne di Pontassieve (Fi), a Miami (Florida, USA) e al Museo d’Arte Contemporanea della Sicilia a Catania. Vive e lavora tra Firenze e la Francia.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I contagi da Covid tornano sopra quota 100 nel bollettino di oggi, martedì 5 Luglio. Aumenti considerevoli anche nelle Province di Pisa e Firenze
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità