Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:50 METEO:SAN MINIATO20°35°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
mercoledì 06 luglio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Rocco Morabito, chi è l'ambasciatore «nobile» della ‘ndrangheta

Lavoro martedì 08 marzo 2022 ore 14:00

Cresce l'imprenditoria femminile pisana

Le imprese gestite da donne sono aumentate dell'1,3%. Il commercio al dettaglio è il settore con il maggior numero di aziende a conduzione femminile



PISA — Nel 2021 torna a crescere l’imprenditoria femminile pisana. Dopo cinque anni di stagnazione, l'anno scorso le imprese femminili in provincia di Pisa sono aumentate dell'1,3%. Lo rende noto la Camera di commercio, che tira le somme in occasione della giornata internazionale della donna.

"Un valore che pone la componente femminile, in termini di variazioni percentuali, leggermente al di sopra rispetto a quella del sistema imprenditoriale pisano il quale si ferma al +1,1% -  si legge in una nota dell'ente camerale- Il numero di attività a cui facciano capo le donne o nelle quali queste siano la maggioranza nella compagine sociale o detengano la maggiore quota di capitale tocca, a fine 2021, quota 9.686 unità corrispondenti al 22,3% del totale: un valore, però, che conferma Pisa al penultimo posto, a livello regionale ed al di sotto della media regionale che si assesta al 23,2%.

Dal versante femminile, dunque, sembrerebbe giungere un qualche elemento di incoraggiamento che non deve tuttavia trarre in inganno: l’impatto della pandemia è stato molto severo per l’universo femminile a partire dai livelli occupazionali delle donne, in larga parte impiegate proprio nei settori che più hanno risentito della crisi come la ristorazione, i servizi alla persona, il commercio e spesso con tipologie contrattuali che le espongono ad un’accentuata precarizzazione, ma gli effetti negativi si sono estesi anche alle imprese guidate dalle donne, con una forte incidenza che si è registrata nel 2020".

“La possibilità di ripresa in questa fase di progressivo superamento dell’emergenza sanitaria - commenta Valeria Di Bartolomeo, presidente del Comitato di imprenditoria femminile della Camera di Commercio di Pisa- non può trascurare, ma anzi deve rilanciarlo con decisione, il tema femminile e quello più specifico della parità di genere anche in ambito imprenditoriale. Ci apprestiamo a vivere una stagione importante in cui saranno a disposizione risorse ingenti sia dal Pnrr che dal Fondo impresa donna, una leva finanziaria straordinaria a sostegno della nascita di nuove imprese, la diffusione della cultura e della formazione imprenditoriale delle donne e per interventi trasversali a favore dell’inclusione di genere. Come presidente del comitato di imprenditoria femminile della Camera di Commercio di Pisa, avverto l’importanza del momento nel rappresentare le nostre istanze e le nostre idee per contribuire alla programmazione delle attività camerali. L’auspicio è che il post covid-19 ci consenta di accelerare verso il superamento della marginalità femminile che, come ha dichiarato il presidente Mattarella nel suo discorso di insediamento rappresenta uno dei fattori di rallentamento del nostro sviluppo, oltre che un segno di ritardo civile, culturale, umano.”

Il settore con il maggior numero di aziende a conduzione femminile è quello del commercio al dettaglio (1.975 unità) che stacca nettamente quello dell’agricoltura (1.090 imprese) e quello degli altri servizi alla persona (1.052 tra estetiste, parrucchiere, saloni di bellezza, lavanderie, ecc.). Significativo anche il numero di aziende femminili nella ristorazione e pubblici esercizi (869 imprese), nel commercio all’ingrosso (554 imprese) e nel settore dell’intermediazione immobiliare (505). Questi sei settori, nel loro complesso, rappresentano i due terzi del totale delle imprese “in rosa” a Pisa.

L’area Pisana, rispetto al resto della provincia, con ben 3.802 imprese al femminile conferma il suo primato. La Valdera, al secondo posto, ne accoglie 2.897, a seguire il Valdarno con 1.938 e la Val di Cecina con 1.049. Con riferimento al tasso di femminilizzazione all’interno della provincia la graduatoria cambia e la Val di Cecina sale al primo posto, con il 30,2% delle imprese, a motivo del forte peso del settore agricolo e terziario dove le donne sono più presenti. Subito sotto troviamo il Valdarno (22,5%), l’Area Pisana, con il 21,7% e la Valdera (tasso di femminilizzazione al 20,1%).

Tra i comuni con i più elevati livelli di femminilizzazione (sopra il 30%) sono Riparbella (34,7%), Castelnuovo di Val di Cecina (33,9%), Santa Luce (33,8%), Guardistallo (33%), Pomarance (32,7%), Monteverdi marittimo (31,2%) e Casale Marittimo (30,7%).


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I contagi da Covid tornano sopra quota 100 nel bollettino di oggi, martedì 5 Luglio. Aumenti considerevoli anche nelle Province di Pisa e Firenze
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Ciro Vestita

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità