Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:20 METEO:SAN MINIATO9°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
lunedì 30 gennaio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Pd, ecco come si è autodistrutto e chi sta con chi, nelle primarie

Attualità venerdì 14 ottobre 2016 ore 13:03

Ancora un bando per gli affitti turistici

Il Comune di Santa Maria a Monte prosegue il percorso di valorizzazione dei centri storici, intrapreso già a partire da ottobre con il progetto “Smam"



SANTA MARIA A MONTE — È in arrivo anche il sesto bando, che si aggiunge ai cinque aperti negli ultimi mesi con lo scopo di intraprendere un percorso di riqualificazione e rivitalizzazione dei centri storici del capoluogo e di Montecalvoli. L’obiettivo, questa volta, è quello di coinvolgere i proprietari di appartamenti in un progetto per la promozione turistica, in modo da rilanciare e promuovere il territorio grazie alla collaborazione con gli stessi cittadini.

Il bando si rivolge ai proprietari di abitazioni ben ristrutturate ed arredate nei centri storici di Santa Maria a Monte e Montecalvoli, che vogliano mettere a disposizione l’immobile fino ad un massimo di 22 settimane durante l’anno ai fini dell’ospitalità turistica. Con i soggetti che aderiranno al progetto verrà stipulato un patto di collaborazione della durata di massimo 3 anni. Previste anche agevolazioni fiscali per i proprietari degli appartamenti, come la riduzione dei tributi locali fino all'esenzione (Imu, Tasi Tari) in capo all’immobile dato in locazione turistica. Il baratto amministrativo avrà una durata massima di 3 anni.


A coloro che metteranno a disposizione l’immobile ad un’agenzia di intermediazione immobiliare specializzata nel settore turistico, che si occuperà della gestione degli appartamenti, per un periodo da 1 a 3 settimane, verranno abbattuti i tributi locali fino ad un massimo di 500 euro, per un periodo da 4 a 6 settimane fino ad un massimo di 1000 euro e per un periodo da 7 a 22 settimane fino ad un massimo di 1500 euro.
Per coloro che provvederanno direttamente ad affittare l’appartamento a fini turistici per un periodo da 1 a 3 settimane verranno abbattuti i tributi locali fino ad un massimo di 200 euro, per un periodo da 4 a 6 settimane fino ad un massimo di 400 euro e per un periodo da 7 a 22 settimane fino ad un massimo di 700 euro.


Per chi, invece, voglia aprire un’attività ricettiva nel centro storico è prevista la riduzione dei tributi locali in capo all’immobile , fino ad un massimo di 1500 euro.
«Una proposta concreta per far rivivere i nostri centri storici, che prevede una spesa a carico del nostro Comune di 15mila euro per il triennio 2016/2018 – dice il sindaco, Ilaria Parrella – In questo modo, cerchiamo di innescare un processo di valorizzazione delle ricchezze dei nostri borghi attraverso la sinergia di imprenditori, giovani, commercianti, associazioni, privati e proprietari di appartamenti. La misura ha il duplice obiettivo di portare i turisti nei centri storici e di favorire il recupero degli immobili».


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ecco le opportunità proposte dai Centri Impiego di Pisa e provincia, lavori a tempo indeterminato e determinato ed apprendistato
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità