comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:51 METEO:SAN MINIATO15°19°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
venerdì 23 ottobre 2020
corriere tv
Massimo Galli a Daria Bignardi: «Non mi piaccio in tv con questa faccia 'facciosa' ma credo che sia importante dire le cose»

Attualità giovedì 22 novembre 2018 ore 17:07

Palazzo Vettori ritrova il suo splendore

Taglio del nastro per la conclusione lavori del restauro conservativo delle facciate di Palazzo Vettori, sede della biblioteca comunale



SANTA CROCE SULL'ARNO — Questa mattina in largo Delio Nazzi, l’amministrazione comunale - presenti la sindaca Giulia Deidda, la vicesindaca Elisa Bertelli e l’assessora alla cultura Mariangela Bucci - e la Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato con il vicepresidente Massimo Bacchereti, si sono incontrati per presentare la conclusione del lavoro di restauro conservativo delle facciate della Biblioteca Comunale “Adrio Puccini”, completato nell’estate 2018 e realizzato proprio grazie al contributo della Fondazione, al quale sono state aggiunte risorse proprie del Comune.

Palazzo Vettori, che ospita la biblioteca dal 1970, è un edificio storico che rappresenta uno degli elementi più caratteristici, dal punto di vista architettonico, del paesaggio urbano di Piazza Matteotti.

L’edificio, in stile neoclassico, fu restaurato in maniera sostanziale nei primi anni ‘90 del secolo scorso e necessitava, soprattutto per quanto riguarda le facciate, di un intervento importante per preservare la bellezza e la sicurezza di uno degli edifici più belli e di pregio del patrimonio comunale: negli anni scorsi, infatti, a seguito di distacchi, è stato necessario rimuovere buona parte delle bozze decorative che costituiscono uno degli elementi più significativi del disegno delle facciate del palazzo. 

Oggi, grazie al contributo della Fondazione, è stato possibile non soltanto restaurare le bozze, ma anche riprendere gli intonaci rovinati, ancorare le restanti bozze e ritinteggiare le facciate, recuperando l’aspetto originario e rispettando le prescrizioni dettate dalla Soprintendenza archeologica belle arti e paesaggio per le province di Pisa e Livorno. L’intervento ha visto, inoltre, il consolidamento dei balconi e il restauro delle persiane e dei portoni in legno.

L’importo complessivo dei lavori è stato di 48mila euro, finanziati per 32.996 euro dalla Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato e per I restanti 15mila euro dal bilancio del Comune. I lavori sono stati progettati e diretti dall’Arch. Silvia Lensi ed eseguiti dalla ditta Cerbioni Srl di Empoli – adesso Figli di Augusto Lorenzin di Firenze; la parte relativa al restauro di persiane e portoni è stata realizzata dalla ditta M2 di Marini Marco, di Montopoli.

La sinergia con la Fondazione cassa di Risparmio di San Miniato è una collaborazione ormai consolidata, che nel tempo ha permesso di effettuare importanti interventi di alto valore pubblico, per questo abbiamo ritenuto opportuno dedicare questo finanziamento alla Biblioteca Comunale, un servizio che a Santa Croce sull’Arno significa 40mila presenze e oltre 17mila prestiti all’anno, un contenitore culturale vivo e vivace che accoglie giovani, che ogni giorno scelgono questo luogo per studiare e cercare materiale di studio, e cittadini di ogni età che qui vengono non soltanto per prendere libri in prestito ma anche per partecipare alle molte attività che vengono organizzate, dai gruppi di lettura, agli incontri con autori, ai corsi dell’età libera fino alle iniziative più varie.

"Ringraziamo, per questo, la Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato - hanno sottolineato dall'amministrazione comunale - per l’attenzione e la vicinanza che da sempre rivolge nei confronti del nostro territorio dedicandoci risorse preziose e stimolandoci nel lavoro costante di miglioramento della qualità del nostro territorio".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità