Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:15 METEO:SAN MINIATO17°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
martedì 02 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo, Amadeus: «Avremo degli applausi finti ma immagineremo che siano del pubblico a casa»

Attualità mercoledì 17 febbraio 2021 ore 13:15

Un progetto unico per la qualità abitativa

L'intervento proposto ammonta a circa 15 milioni e prevede la realizzazione di 111 alloggi, spazi comuni, piste ciclabili e varie riqualificazioni



SANTA CROCE SULL'ARNO — Il Comune di Castelfranco di Sotto e il Comune di Santa Croce sull'Arno hanno partecipato in forma associata al “Programma innovativo nazionale per la qualità dell'Abitare” (PINQuA) presentando alla Regione Toscana - in qualità di soggetto aggregatore di progetti per i Comuni sotto i 60.000 abitanti - un progetto unico che individua 7 macro aree di intervento distinte per tipologia e destinazione d'uso.

Il progetto proposto a finanziamento ammonta complessivamente a 15 milioni di euro e prevede la realizzazione di 111 alloggi per Social Housing, spazi per servizi sociali, culturali, terzo settore, attività collettive e spazi comuni e la riqualificazione di 58.361 mq di superficie scoperta per piazze, giardini, piste ciclabili per una mobilità green.

L'obiettivo comune è recuperare, riqualificare e rifunzionalizzare aree periferiche degradate ed edifici esistenti, sviluppando l’edilizia residenziale sociale, servizi di prossimità e mobilità di prossimità condivisi.

“Abbiamo avviato il progetto in modo congiunto nella stessa ottica con la quale stiamo avviando una pianificazione territoriale intercomunale – hanno commentato i sindaci Gabriele Toti e Giulia Deidda -. Il progetto proposto è coerente con le politiche e strategie di area vasta finora perseguite. I nostri comuni, oltre a presentare caratteristiche territoriali ed urbanistiche omogenee, hanno una forte correlazione sia sotto il profilo infrastrutturale che produttivo. Così come condividono spesso le stesse criticità. Questa è una forte motivazione che ci ha spinto ad unire le forze ed adoperarci, specie in un momento di crisi come quello attuale, verso un intervento condiviso. Intervento che prevede il recupero di fabbricati esistenti senza nuovo consumo di suolo. Il tema della qualità dell'abitare è importantissimo ed è per noi fondamentale poter intervenire per risolvere una situazione di disagio-socio-abitativo, in modo da recuperare una riconnessione del territorio e dei servizi”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità