Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:00 METEO:SAN MINIATO16°21°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
giovedì 29 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Iran, la protesta in lacrime di Ahmadi che vive in Italia: «Siate la nostra voce, aiutateci»

Lavoro sabato 28 gennaio 2017 ore 16:30

Sfruttamento in concia, i sindaci alzano la voce

Santa Croce sull'Arno (foto di Piero Frassi)

Deidda, Gabbanini, Toti, Capecchi e Spinelli hanno commentato l'interrogazione presentata dall'onorevole Nicchi: "Quella realtà non esiste"



SANTA CROCE SULL'ARNO — Giulia Deidda, Vittorio Gabbanini, Gabriele Toti, Giovanni Capecchi e Alessio Spinelli contro l'interrogazione parlamentare dell'onorevole Marisa Nicchi sullo sfruttamento nelle concerie.

“La realtà descritta nella ricerca Una dura storia di cuoio non esiste - hanno detto i cinque sindaci - E, conseguentemente, anche l’interrogazione parlamentare dell’onorevole Nicchi è basata su fatti che non corrispondono alla verità”. 

I sindaci del distretto industriale del cuoio non ci stanno a veder descritto il comprensorio del cuoio come un’area di illegalità alla pari con altre zone del paese dove caporalato e abusi sono storicamente radicati: “Qui – hanno ripreso – molte delle 600 aziende presenti nei nostri comuni lavorano per le griffe internazionali e sulla tracciabilità delle pelli, sul rispetto dei contratti di lavoro e dell’ambiente rispettano le leggi e i protocolli che portano ad avere le certificazioni più avanzate. Non accettiamo che la nostra zona venga descritta in maniera così distante dalla realtà da una parlamentare che non si è neppure degnata di venire in visita e a parlare con le istituzioni locali”. 

Quello che più colpisce, poi, della ricerca condotta dal Centro Nuovo Modello di Sviluppo di Vecchiano è che si parla di 12.700 addetti impiegati nel comprensorio del cuoio quando i dati forniti dall’Unic (Unione Nazionale Industria Conciaria) dicono che nel distretto industriale ci sono 5.874 addetti che salgono a circa settemila considerando anche gli interinali. 

“Su quali numeri si basa questa ricerca?” si sono chiesti i sindaci. “A chi giova - hanno proseguito – una ricostruzione dei fatti che non corrisponde alla realtà e che mette in cattiva luce un intero settore e un’area che è tra le più importanti, a livello produttivo, della Toscana? Anche durante il convegno che si è svolto questa mattina a Firenze promosso da SI Toscana a Sinistra, abbiamo sentito un generico attacco al mondo delle imprese che non è accettabile. Un conto è vigilare sulla situazione occupazione e dei contratti di lavoro, cosa dovuta e importantissima, altra cosa è attaccare genericamente un distretto industriale che ha un forte legame col territorio anche da un punto di vista sociale. Qui le imprese creano posti di lavoro, investono risorse per migliorare gli standard di sicurezza sul lavoro e la qualità dell'ambiente. C’è una lunga tradizione nel nostro distretto in questo senso. Basti pensare che il sistema della depurazione del comprensorio del cuoio è quanto di più avanzato esista a livello europeo tanto da aver ottenuto la certificazione Emas, il più importante riconoscimento internazionale in materia ambientale”.

"Sul tema del lavoro - hanno continuato - ricordiamo poi che è del 2014 l’accordo firmato da Regione, Cna, Confindustria e sindacati per rendere sempre più tracciabile, trasparente e sostenibile la filiera della lavorazione attraverso controlli incrociati sia da parte dei privati che delle istituzioni e la definizione di standard che impediscano la concorrenza sleale nelle subforniture. All’intesa hanno aderito anche alcune delle più importanti griffe nazionale che realizzano i molti dei loro prodotti proprio grazie alle aziende del distretto industriale di Santa Croce sull’Arno". 

“In un contesto – hanno dichiarato i sindaci – nel quale si sta creando un’alleanza tra istituzioni, imprenditori e organizzazioni sindacali per puntare ad una ulteriore valorizzazione di un settore di punta dell'economia toscana, per volume di esportazioni e qualità delle lavorazioni, arriva questo attacco assolutamente fuori dai tempi. Bene ha fatto la Cgil della nostra zona a prendere immediatamente le distanze da questa iniziativa parlamentare”. 

"Ci sono prestigiosi marchi del made in Italy che producono nel distretto del cuoio e che da tempo hanno ottenuto la certificazione Sa8000 per la responsabilità sociale d’impresa. Una certificazione che tiene in considerazione il rispetto dei diritti umani, dei diritti dei lavoratori, la tutela contro lo sfruttamento dei minori, le garanzie di sicurezza e la salubrità sul posto di lavoro e che impone di chiedere l’impegno dei propri fornitori a conformarsi ai principi della responsabilità sociale, di effettuare attività di monitoraggio e di ottenere dai propri fornitori una mappatura aggiornata delle proprie filiere". 

“Non si può gettare discredito – hanno concluso i primi cittadini - su chi si impegna su questi temi. Allo stesso tempo noi sindaci vogliamo che si combatta lo sfruttamento della manodopera e che si mantenga alta l’attenzione su questi temi, impostando l’azione politica del tavolo di distretto nell’ottica del rispetto dei diritti dei lavoratori. L’impegno che noi rinnoviamo è quello di lavorare sul regolamento di attuazione del codice etico, documento sottoscritto da tutte le parti economiche e sociali alcuni anni fa. Allo stesso tempo vogliamo che si combatta la concorrenza sleale e le contraffazioni, per difendere le imprese sane del nostro distretto che generano occupazione e continuano a garantire ai nostri cittadini e alla nostra zona standard occupazionali e di qualità della vita ben superiori alla media. Ci dispiace che l’on. Nicchi si sia lanciata in un’iniziativa parlamentare senza conoscere il nostro territorio e prendendo un evidente abbaglio”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sul territorio comunale l'amministrazione ha installato i dispositivi nelle vie di accesso di Montopoli. Capecchi: "Obiettivo di mandato raggiunto"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità