Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:27 METEO:SAN MINIATO18°34°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
mercoledì 17 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Inondazioni a Toronto, la villa di Drake invasa dall'acqua
Inondazioni a Toronto, la villa di Drake invasa dall'acqua

Attualità giovedì 29 luglio 2021 ore 13:00

Fipili, Giani propone il pedaggio, Assotir dice no

Proposta pedaggi mezzi pesanti in FiPiLi, parla Assotir “Prima investimenti e sicurezza. Serve confronto ampio su temi viabilità e trasporto merci”



SANTA CROCE SULL'ARNO — “Non ci stiamo a fare la parte del capro espiatorio -  dice Maurizio Bandecchi di Assotir Toscana - Se la FiPiLi versa nelle condizioni che tutti conosciamo, certo sul banco degli imputati non ci possono stare i trasportatori. La FIPILi è progettata male e realizzata peggio ed eventuali pedaggi non risolvono certo i limiti con cui è nata, a partire dal tema della sicurezza”.

E' il commento da parte degli autotrasportatori sulla proposta da parte del Governatore della Toscana Eugenio Giani, di far pagare i pedaggi sulla Fipili ma solo ai mezzi pesanti.

“Intanto rileviamo - prosegue Bandecchi -che non ci pare corretto voler individuare a tutti i costi un colpevole, cioè il trasporto merci, per le condizioni disastrose di una infrastruttura nata male e cresciuta peggio come la FiPili che serve a tutte le zone produttive e commerciali della Toscana centrale e le collega all’area metropolitana ed alla costa. Demonizzare i mezzi pesanti capiamo che possa fare comodo, ma non risolve il problema: la FiPiLi va adeguata con le corsie di sicurezza e resa più solida ed in grado di reggere anche il traffico pesante. Pare riduttivo pensare che serva solo ad andare al mare o per i tanti pendolari che peraltro sanno bene quanti disagi siano provocati dal fatto che due corsie garantiscono solo ingorghi e rallentamenti ad ogni minimo problema: incidenti, lavori e persino anche il semplice sfalcio del verde, come avviene proprio in questi giorni. 

Quanto ai pedaggi e solo ai mezzi pesanti crediamo che sia un tema che va necessariamente affrontato avendo presente tutta la viabilità regionale a partire dai vuoti infrastrutturali che ci sono specie sulla costa e per la direttrice est ovest e non solo guardando ai problemi della FiPiLi. 

Inoltre mettere il pedaggio può anche significare appesantire ulteriormente la competitività non solo delle imprese di trasporto, ma anche del sistema produttivo e commerciale. Oltre agli annunci - conclude Bandecchi - chiediamo al Presidente Giani di convocarci per un confronto sul tema trasporti e infrastrutture che non è più rinviabile.”


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Le indagini erano scattate nel 2020, durante l'emergenza Covid. Oggi il maxi sequestro da 35 milioni di euro che tocca anche le province di Pisa e Lucca
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca