Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:SAN MINIATO10°13°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
venerdì 01 marzo 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Cinema, addio a Paolo Taviani

Cronaca sabato 13 marzo 2021 ore 15:36

Zona rossa, la protesta dei commercianti

Zona rossa, il Ccn San Miniato Basso: "Perché non chiudere i supermercati? I nostri negozi sono sicuri e non hanno assembramenti"



SAN MINIATO — "L'ennesimo fulmine a ciel sereno di un anno tempestoso": così è stato accolto dai commercianti del Centro commerciale naturale San Miniato Basso il provvedimento di ingresso in zona rossa da lunedì 15 marzo del comprensorio del cuoio, tra cui il comune di San Miniato.

A parlare a nome di tutti gli associati il presidente Pierfranco Speranza: "Questo è l'ennesimo sacrificio richiesto ai commercianti, non capiamo perché se parliamo di assembramenti non vengano chiusi i supermercati a posto dei negozi di vicinato".
Ricordiamo che sono sospese tutte le attività commerciali al dettaglio salvo quelle di generi alimentari e di prima necessità. Saranno chiusi anche i mercati con l’eccezione dei banchi con prodotti alimentari, agricoli e florovivaistici. Restano invece aperte edicole, tabaccherie, farmacie e parafarmacie.
Dopo numerose iniziative intraprese dal Ccn per spingere il commercio di vicinato rispetto alla grande distribuzione, la chiusura delle zone rosse porta anche la sospensione di attività come parrucchieri, barbieri e centri estetici mentre potranno rimanere aperte lavanderie e tintorie.
"Nell'allegato 23 del Dpcm si chiudono negozi di abbigliamento, centri estetici, gioiellerie. Tutti negozi dove potevano essere messe restrizioni più stringenti senza chiudere. Potevano invece essere chiusi i luoghi a maggiore assembramento come i supermercati. In più, in molti negozi sono rimaste scorte invendute di prodotti stagionali che se non li vendono ora non li vendono più. Un copione che si è ripetuto già successo l'anno scorso, dove i magazzini sono rimasti con la merce invenduta", spiega Speranza.
Il messaggio lanciato da tutto il direttivo è chiaro: "I negozi non sono a maggiore rischio di contagio. Potevano essere messi ingressi limitati a una persona alla volta, nei supermercati invece gli ingressi sono a decine o centinaia e la merce è tutta disponibile. Noi non ci stiamo".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Necessario il trattamento per studenti e personale scolastico del plesso di via delle Querce. L'alunno risultato positivo sta bene
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità