Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:00 METEO:SAN MINIATO10°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
mercoledì 30 novembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Ischia, la frana si abbatte su Casamicciola: telecamera di sicurezza riprende il momento in cui il fango trascina via l'auto

Attualità mercoledì 06 marzo 2019 ore 15:00

Accordo Cuoio-Rea Impianti, Coldiretti contraria

La discarica di Rea Impianti a Scapigliato (Rosignano Marittimo)

L'associazione degli agricoltori spiega perché non vuole che i rifiuti conciari di Santa Croce vadano a finire nella discarica di Scapigliato



ROSIGNANO MARITTIMO — "Siamo nettamente contrari all'accordo regionale per il conferimento di rifiuti
del distretto conciario
nella discarica di Scapigliato". Una posizione chiara da parte di Simone Ferri Graziani, presidente di Coldiretti Livorno e Fabrizio Filippi, presidente di Coldiretti Pisa, che arriva all'indomani della notizia sull'intesa fra Rea Impianti, Regione Toscana e il Distretto conciario di Santa Croce.

"Si insiste su un territorio già affaticato a tutto danno dell'ambiente e dell'agricoltura. Lo
smaltimento dei rifiuti conciari - spiegano i due presidenti della Coldiretti - già in passato ha creato grossi problemi ambientali, in particolare per il riutilizzo di questi scarti a fini agricoli e il loro trattamento. Lo ripetiamo pubblicamente: siamo da sempre contrari all'autorizzazione per l'ampliamento della discarica, e questo ulteriore accordo conferma la nostra posizione. Prendiamo atto che la Regione Toscana ha scelto nuovamente di procedere nonostante la contrarietà dei territori; la discarica ad oggi ci appare con tutta evidenza di interesse nazionale e non più solo territoriale".

"Al danno della discarica limitrofa, che incide negativamente sull'immagine dei prodotti
territoriali, si aggiunge la beffa delle tariffe per lo smaltimento - aggiunge Ferri Graziani -. Il
Comune di Rosignano Marittimo infatti è uno dei comuni con la Tari più alta, spesso
insostenibile per le aziende agricole". 

"Crediamo che questi temi debbano essere al centro della prossima campagna elettorale per le amministrative -, sottolinea ancora Ferri Graziani -. Le coalizioni che si candidano alla guida dei comuni interessati, Rosignano in particolare, dovranno dire in modo chiaro qual è la loro posizione e quali saranno le compensazioni, destinate ai territori, per la presenza negativa di questo impianto". 

Filippi rivolge lo stesso appello alla politica regionale: "Anche a chi si candiderà per le prossime elezioni regionali chiederemo una posizione chiara". I vertici provinciali di Coldiretti lanciano infine un appuntamento di discussione pubblica: "Ci faremo promotori di un incontro a Rosignano, con cittadini e agricoltori, per ascoltare le voci del territorio e valutare eventuali nuovi azioni contro l'ampliamento".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel bollettino di oggi, martedì 29 Novembre, rialzo dopo il fine settimana con oltre 16mila tamponi processati. Nel Fiorentino altri 7 decessi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alessandro Canestrelli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità