Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:SAN MINIATO10°13°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
mercoledì 07 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, i tifosi del Marocco festeggiano il passaggio ai quarti

Attualità martedì 09 novembre 2021 ore 15:00

Uno striscione in difesa del Ddl Zan

È stato esposto al centro Informagiovani, ed è stato realizzato dal gruppo Pomo di Venerə. Vanni: "Grazie a questi ragazzi per la determinazione"



MONTOPOLI VALDARNO — “I diritti non si fermano”. É questo il testo dello striscione realizzato sabato 30 Ottobre dal gruppo informale Pomo di Venerə, sostenuto da La Ruzzola e Arci Valdarno inferiore, con il supporto del Comune di Montopoli e insieme ad alcuni cittadini che avevano raccolto il loro appello, nel giardino del circolo Arci Torre Giulia. 

Lo striscione è stato esposto in piazza della Repubblica a Firenze, quando oltre 5mila persone hanno manifestato contro la mancata approvazione del Ddl Zan in Senato.

"Qualsiasi cosa riguardi la trasversalità dei diritti – ha detto Enrico Savini presidente dell'associazione La Ruzzola - noi siamo presenti. Ci sembra naturale e ovvio far parte di un movimento che cerca di far emergere una equità che riteniamo scontata". Questa azione, come le altre attività portate avanti dal “Pomo”, è stata sostenuta dal Comune di Montopoli Valdarno, dall'Arci Valdarno Inferiore e dall'associazione La Ruzzola, presso la cui sede, i locali dell'Informagiovani si trova adesso esposto lo striscione.

"I cittadini che sono scesi in piazza negli scorsi giorni – hanno detto la vicesindaca Linda Vanni e il consigliere comunale Andrea Marino - ci hanno lanciato un messaggio forte e chiaro: si può essere fermato il DDL Zan, ma non la battaglia per i diritti. Le discriminazioni sono all'ordine del giorno e noi, come amministrazione comunale, vogliamo essere presenti. Ringraziamo La Ruzzola e il Pomo di Venerə per la loro determinazione". 

Il commento degli autori dello striscione non può che essere deciso verso le battaglie del futuro: "È stata veramente amara la notizia di questa decisione e ancor più deludenti sono state le reazioni, le risate e gli applausi dei senatori e delle senatrici sfavorevoli alla legge – hanno concluso dal Pomo di Venerə – ed è per questo che non siamo potuti rimanere immobili.
Siamo un piccolo gruppo, ma vogliamo dare un messaggio di sostegno e unione: noi ci siamo, Monto-poli c'è. I diritti non si fermano!".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un imprenditore ha denunciato il furto ai carabinieri, che hanno ritrovato il bottino e denunciato una persona accusata del furto della merce
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Pierantonio Pardi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca