Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:SAN MINIATO10°13°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
venerdì 01 marzo 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La fuga e l’inseguimento a tutta velocità finisce contro una recinzione: il video dall’Australia

Attualità mercoledì 22 marzo 2023 ore 19:30

Le prime visite scolastiche al bosco biosostenbile

Il percorso nel bosco biosostenibile

Aperte le porte alle classi di Montopoli e San Miniato: fino a Maggio, saranno 1.800 gli studenti da tutta la Toscana che lo visiteranno



MONTOPOLI IN VAL D'ARNO — Il bosco biosostenbile realizzato grazie all'investimento di Unicoop Firenze e inaugurato ad Aprile dello scorso anno apre alle visite degli alunni delle scuole toscane.

Nel primo giorno di primavera, infatti, al bosco si sono recate alcune classi delle scuole medie di Montopoli in Val d'Arno e San Miniato, con 50 alunni che hanno svolto una visita didattica organizzata nell'ambito dei percorsi di cittadinanza consapevole promossi proprio da Unicoop Firenze.

"Grazie a Unicoop per aver realizzato, qui nel nostro Comune, un progetto di forestazione urbana che ha visto la nascita di un bosco proprio accanto alla FiPiLi a seguito della riqualificazione di un sito industriale - ha commentato il sindaco Giovanni Capecchi - un ritorno alle origini che consente all'uomo di ridurre gli effetti dei propri interventi, a volte irreversibili sull'ambiente".

Un momento della visita

Il primo bosco biosostenibile d’Italia, frutto di un investimento di 2,2 milioni di euro, sta piano piano crescendo nell'area, precedentemente occupata da un allevamento industriale. Fino a Maggio, saranno coinvolte 65 classi, per un totale di 1.800 alunni provenienti da 7 Province toscane.

"Trovo che sia una grande opportunità quella di portare gli alunni in visita al bosco: negli ultimi anni le tematiche ambientali sono entrate di diritto nelle scuole, e in questo, più ancora che in altri ambiti di apprendimento, l'esperienza diretta costituisce il presupposto imprescindibile per un apprendimento che sia davvero significativo - ha spiegato la dirigente scolastica dell'istituto comprensivo montopolese, Alessandra Lupetti - in questo ambiente prendono forma il rispetto per la natura, l'ambiente, le piante e gli animali che vivono il bosco. È il luogo ideale per attività didattiche laboratoriali".

In totale, su 6 ettari di terreno, sono stati piantati 3mila nuovi alberi che, secondo le stime, in 10 anni potranno assorbire 170 tonnellate di anidride carbonica e una mole consistente di altri inquinanti, mentre, a 20 anni, il risparmio sarà di 600 tonnellate e a 30 anni di 1400 tonnellate. 

Le piantumazioni

"Nel catalogo delle nostre proposte educative abbiamo molto investito su questo progetto che ha ricevuto tante adesioni dalle scuole di tutta la Toscana - ha concluso Tommaso Perrulli, responsabile Progetti sociali e scuola di Unicoop Firenze - siamo davvero felici di aprire le porte del bosco agli alunni, per i quali potrà essere un laboratorio a cielo aperto dove studiare i processi naturali e imparare che le piante sono le più forti alleate per una Terra più sana". 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Necessario il trattamento per studenti e personale scolastico del plesso di via delle Querce. L'alunno risultato positivo sta bene
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità