Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:08 METEO:SAN MINIATO10°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
mercoledì 30 novembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Cina, il silenzio del portavoce del ministro dopo la domanda sulla politica «zero Covid»

Cronaca lunedì 16 dicembre 2013 ore 18:16

Ccn, arriva il sostegno della Regione. E nel Comprensorio si punta a fare rete

Finanziato anche per il 2014 il bando della Regione Toscana a sostegno dei Centri Commerciali Naturali



SAN MINIATO — Per il momento la Regione potrà coprire fino al 50% delle spese per progetti da un minimo di 30mila euro, anche se l’obiettivo per il 2014, ancora in cantiere, sarà quello di allargare le risorse, e quindi la platea dei beneficiari, attraverso un accordo con le Camere di Commercio della Toscana. Ad annunciarlo, in anteprima, è il dirigente regionale al Turismo e al Commercio Stefano Romagnoli, intervenuto stamani (lunedì 16 dicembre) nel corso del convegno “Il commercio fra realtà e prospettive”, organizzato, all’Hotel Villa Sonnino, dai tre Ccn di San Miniato riuniti nella rete Negozio Comune, insieme a Confesercenti e Amministrazione Comunale.

«Ho firmato proprio stamani il decreto che finanzia il bando – ha raccontato Romagnoli – anche se stiamo lavorando per predisporre un bando unico insieme alle Camere di Commercio, che permetterebbe ai Ccn di uniformare le domande e la rendicontazione delle spese, ma anche di definire in modo univoco contenuti e strategie sul ruolo che i Ccn saranno chiamati a svolgere nello sviluppo dei centri urbani». Non a caso, Romagnoli ha ripercorso l’impegno della Regione nel rilancio di Vetrina Toscana, «con la quale – ha detto – abbiamo creato una rete di attività che non ha eguali in Italia. Credo che adesso Vetrina e Ccn dovranno lavorare insieme». Un’unità nel segno del sviluppo commerciale ma anche turistico. È stato questo, infatti, uno dei fili conduttori del convegno, che ha analizzato il contesto e le prospettive del commercio anche in rapporto alle potenzialità turistiche di un territorio come San Miniato. Potenzialità che Romagnoli ha voluto rimarcare: «Non dimenticate – ha aggiunto – che vi trovate all’incrocio tra la Via Francigena e la pista ciclabile dell’Arno che sarà a regime tra pochi anni».

Un legame, quello tra commercio e turismo, che ha accompagnato anche l’intervento di Massimo Biagioni, direttore regionale di Confesercenti e coordinatore Turismo della Confesercenti nazionale: «Puntare sulle piccole imprese del commercio – ha spiegato - significa valorizzare i nostri borghi e quindi quelle eccellenze che in Toscana sono infinite. Viceversa, se la politica continuerà a favorire la grande distribuzione seguendo la stella delle liberalizzazioni, il turismo della nostra regione rischia di ridursi a Firenze e poco altro».

Del resto, come sottolineato da Fabio Pampana, consulente di marketing, «i Ccn non devono entrare in competizione con i centri commerciali integrati, ma devono essere qualcosa di diverso, perché alla base hanno il territorio, il contesto storico-culturale che la grande distribuzione non può avere».

Da qui l’illustrazione delle possibili strategie di marketing che i Ccn e i singoli negozi potrebbero mettere in campo, attraverso un’offerta differenziata e di qualità, una migliore comunicazione e lo sfruttamento di economie di scala possibili solo attraverso la collaborazione. «Perché il mercato del commercio, ormai – ha aggiunto Pampana - si trasforma in pochi mesi e occorre ogni volta rimettersi in gioco». Una trasformazione costante che non va di pari passo con le mille difficoltà e i tempi troppo spesso lunghi di accesso al credito. È stato il tema affrontato da Massimo Frangioni, consulente del conzorzio Italia ComFidi, che cerca di favorire l’accesso al credito delle piccole imprese garantendo fino al 50% del contributo richiesto. Frangioni ha elencato le possibilità a disposizione degli esercenti, tra cui anche un bando di microcredito a tasso zero che sarà aperto della Regione a gennaio, con contributi fino a 15mila euro da restituire in 5 anni.

Il convegno, inoltre, ha ripercorso i progetti e le iniziative dei tre Ccn di San Miniato, attraverso le testimonianze di Giacomo Pannocchia del Ccn di Ponte a Egola, di Domenico Ragone per San Miniato Basso e di Patrizia Manetti per il Ccn del capoluogo, che ha lanciato l’auspicio, per il 2014, di una possibile collaborazione fra tutti i Centri Commerciali Naturali del comprensorio del Cuoio.

Presente al convegno, infine, coordinato dalla responsabile di zona di Confesercenti, Manila Doveri, anche l’assessore al Turismo e alle Attività Produttive Giacomo Gozzini, che si è detto «soddisfatto del lavoro svolto fino ad ora, soprattutto guardando ad altre realtà dove i Ccn stanno nascendo soltanto adesso. A San Miniato – ha concluso – i Ccn sono ormai una realtà consolidata, e questo, nonostante la difficoltà del momento, ci rende ottimisti per il futuro».


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel bollettino di oggi, martedì 29 Novembre, rialzo dopo il fine settimana con oltre 16mila tamponi processati. Nel Fiorentino altri 7 decessi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alessandro Canestrelli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità