QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SAN MINIATO
Oggi 22°27° 
Domani 22°33° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
martedì 23 luglio 2019

Spettacoli lunedì 24 giugno 2019 ore 13:00

La tradizione della musica orentanese

Cresce l’interesse per la musica d’insieme, una vera e propria tradizione orentanese. Prossimi concerti: il 30 giugno a Camporgiano e l’11 agosto



CASTELFRANCO DI SOTTO — Orentano è un vero e proprio vivaio di musicisti, dai bambini delle elementari che iniziano i corsi di propedeutica musicale ai ragazzi che entrano nei gruppi Nini e poi Girini per confluire infine, a far parte della banda degli adulti: la Filarmonica Leone Lotti/ Complesso folkloristico La Ranocchia.

A seguire le lezioni di musica d'insieme Orentanese di queste formazioni sono circa 65 allievi, tra giovani e giovanissimi. Una bella e variegata squadra di strumentisti che nel pomeriggio di domenica si è esibita nella piazza centrale di Orentano (quella gestita dai donatori di sangue) in un concerto di fine anno.

I vari gruppi che si sono alternati nelle performance sono l'espressione del modello didattico adottato dalla scuola attiva da circa 8 anni : i ragazzi seguono corsi di strumento a fiato o a percussione (peculiari delle tradizionali formazioni bandistiche) in modo individuale, per poi fare musica d’insieme come obiettivo principale.

L’organizzazione dei corsi di musica è sostenuta anche dal Comune di Castelfranco di Sotto e una parte di questo finanziamento viene utilizzato per sostenere il lavoro di un esperto di propedeutica musicale della filarmonica presso la scuola primaria del paese.

“La grande partecipazione dei giovani fa sì che la banda non abbia bisogno di musicisti esterni – ha spiegato il presidente de La Ranocchia, Marco Bottoni - . Il gruppo è infatti tutto composto da persone di Orentano e Villa Campanile. I bambini fanno il loro percorso nelle band giovanili per poi entrare nella banda ufficiale”.

“Il saggio finale è stata una grande festa che dimostra l’enorme passione degli orentanesi per la tradizione bandistica – ha commentato il sindaco Gabriele Toti - . È stato davvero un bello spettacolo assistere all’esibizione di allievi di tutte le età che nel corso dell’anno studiano molto per imparare a suonare strumenti molto difficili. La collegialità della musica d’insieme è poi un ottimo esempio di crescita per questi ragazzi. Ognuno s’impegna singolarmente per una performance unica, di gruppo. Ognuno dà il suo contributo per l’armonia della band”.

Alcuni di questi ragazzi hanno ricevuto anche dei riconoscimenti in concorsi nazionali, il caso più recente è quello di Livia Di Vita che ha ottenuto il secondo premio al concorso flautistico Giuseppe Peloso di Voghera (PV) il 9 giugno scorso.

I concerti dell’estate non finiscono qui: i gruppi Nini e Girini parteciperanno ad una rassegna di formazioni bandistiche giovanili a Camporgiano il prossimo 30 giugno; mentre è in programma per l’11 agosto l’appuntamento con il tradizionale concerto di San Lorenzo in occasione dell’Agosto orentanese.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Cronaca

Cronaca

Attualità