Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:07 METEO:SAN MINIATO18°25°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
sabato 10 giugno 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Attacco ad Annecy, il sospetto in fuga con il coltello in mano

Attualità sabato 10 gennaio 2015 ore 18:04

Terre di Presepi, più di 200mila presenze

Ultimo week end per i presepisti. Appendice sabato 17 e domenica 18 gennaio a Lecore e San Miniato



SAN MINIATO — Ultimo week end per Terre di Presepi. Con la festività del "Battesimo di Gesù" molte rappresentazioni presepiali chiuderanno con domani, domenica 11 gennaio ai visitatori dopo oltre un mese. 

Sarà così infatti per Nicosia di Calci, San Romano, Montopoli, Cigoli, Petroio e Isolotto. E' dunque lecito aspettarsi dunque ai presepi, un'altra giornata da bollino rosso. Castelfiorentino con la Via dei presepi ha chiuso martedì scorso giorno dell'Epifania.
E' dunque tempo di fare dei bilanci per questa prima esperienza di "Terre di Presepi" che ha messo in rete 70 chilometri di presepi nel cuore della Toscana, diventando un vero e proprio itinerario di Natale alla scoperta della Natività e portando in tante località minori molti visitatori.
I numeri, quando si tratta di tantissima gente concentrata in pochi giorni, non è mai facile certificarli. Le firme sui registri e i contapersone hanno in questo aiutato.
Numeri oltre le aspettative, calcolati al giorno dell'Epifania.
"A Lecore, nella piana di Signa - spiega Fabrizio Mandorlini portavoce di Terre di Presepi - ci sono stati ottomila visitatori in soli nove giorni di apertura (il presepe è stato inaugurato la notte di Natale) ed è stato necessario allestire cinquanta visite guidate con tre guide sempre operative. A Castelfiorentino è stata stimata una presenza complessiva di ventimila visitatori di cui moltissimi provenienti da fuori Toscana. All'Isolotto al presepe dei Bassi sono state registrate quindicimila presenze, molto simile è il numero di San Miniato città anche se difficile da conteggiare in quanto i presepi sono dislocati su due chilometri di crinale nella centro storico. Per San Romano e a Cigoli non è stato possibile calcolare un numero preciso in quanto le persone che entravano a gruppi eludevano qualsiasi modalità di conteggio e per contare le firme nei registri ci vorranno settimane, ma se si vuol parlare in numeri, venticinque mila visitatori per ognuno dei due presepi è sicuramente un conto per difetto. Vero bagno di folla anche per le rappresentazioni dei Presepi viventi. Solo a quello di San Miniato Basso, a cui partecipavano circa duecento figuranti, la stima è di oltre ottomila persone in due rappresentazioni".

Dato interessante sono i pullman organizzati di visitatori e di gite scolastiche che hanno scelto le Terre di Presepi nei giorni di Natale. Sommando tutti quelli arrivati a ogni presepe il numero è di 136, calcolato per difetto, con provenienza regionale e italiana. Si parlava dunque, un mese fa, di una stima di una potenzialità di centomila visitatori. Non è utopistico pensare che, sommando le presenze di tutti i presepi, il numero si possa raddoppiare. Di particolare "presa emotiva" sono state le iniziative realizzate in concomitanza, come il lancio delle mongolfiere luminose della pace la sera dell'Epifania che hanno illuminato molti cieli in Toscana, ma è da sottolineare come, accanto ai presepi, sono nate con ottimo successo tante iniziative culturali, concerti e mostre d'arte.
A dimostrazione che Terre di Presepi è stata una iniziativa molto seguita lo dimostrano gli accessi social. "Oltre diciassette mila le pagine del blog www.terredipresepi.blogspot.it visitate in meno di un mese - spiega Fabrizio Mandorlini che con Francesco Fiumalbi e Michela Ricciardi ha seguito i social. -Centosettantasettemila visualizzazioni sulla pagina di Google plus, una media di duemila visualizzazioni a post sulla pagina facebook da Natale in poi. Tutto ciò ha portato le località presepiali a trovarsi nei primi posti dei motori di ricerca di Google".
Tutto finito? No. Per chi ancora non li avesse visitati c'è un'appendice per due presepi anche per sabato 17 e domenica 18 gennaio. Saranno aperti al pubblico il presepe artistico realizzato da Sauro Mari a Lecore e quello realizzato da Mario Rossi a San Miniato, unitamente all'esposizione del calendario dell'Avvento sulla facciata del seminario. A Lecore tra l'altro è previsto un concerto conclusivo per domenica 18 che sarà tenuto del coro San Leonardo di Castelfiorentino.
E poi l'invito raccolto per il 2015 di un incontro dei presepisti toscani con Papa Francesco quando verrà a Firenze è un'ottima proposta di impegno.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Musica, luci e cena animata: la manifestazione estiva della frazione festeggia 15 anni e prepara alle celebrazioni dei 100 anni di Pinocchio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità