Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 06:30 METEO:SAN MINIATO11°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
mercoledì 19 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, Enrico Letta arriva a casa di Giuseppe Conte

Politica domenica 22 aprile 2018 ore 09:33

La nuova società della salute piace ai sindaci

La nuova Società della Salute Empolese/Valdarno, i sindaci: "Progetto e cammino comune, senza prescindere dalla nostra storia e dalla nostra realtà"



SAN MINIATO — Alla vigilia della presentazione nei consigli comunali del progetto di fusione che darà vita alla nuova Società della Salute Empolese/Valdarno i quattro Sindaci del Comprensorio (San Miniato, Santa Croce sull'Arno, Castelfranco di Sotto e Montopoli) esprimono le loro valutazione in merito.

“La riforma sanitaria regionale ha visto l’istituzione e la suddivisione del territorio toscano in tre aree vaste e in tre aziende sanitarie; di conseguenza la zona del Valdarno Inferiore è stata interessata dalla revisione degli ambiti territoriali, andando a creare un’unica zona distretto con i Comuni dell’Empolese Valdelsa e dando vita ad una zona che ricalca di fatto il territorio dell’ex Asl 11 - spiegano - I quattro Comuni della Società della Salute Valdarno Inferiore, ente incorporante nella nuova Sds, hanno maturato un’esperienza oramai decennale, prima come ufficio comune e poi come consorzio, nell’ambito della gestione dei servizi sociali associati. Hanno svolto in tal modo il ruolo di progettazione e programmazione, accanto a quello di erogazione dei servizi. Questa esperienza - aggiungono i sindaci - ci ha portato a considerare positivamente anche l’idea di attuare un accorpamento più ampio, con l’intenzione di costruire un progetto e un cammino comune senza prescindere dalla nostra storia e dalla nostra realtà".

Di fatto la collaborazione tra le due Sds non nasce oggi, ma ha già dato vita a progetti comuni in numerosi ambiti; solo per citarne alcuni: il centro affidi, la gestione del servizio emergenza urgenza sociale, la gestione dei fondi europei per l’inclusione sociale e la lotto alla povertà.

"Gli obiettivi di questo progetto di fusione sono ambiziosi ma concreti - precisano i sindaci -: mantenere su ogni comune l’erogazione dei servizi e i presidi socio/sanitari, uniformare le procedure e le modalità di accesso ai servizi, facilitare l’accesso a fondi europei e a bandi regionali e nazionali, potendo contare su una popolazione di riferimento più ampia e di una migliore organizzazione, formare figure professionali specializzate che possano operare su due aree. Fondamentale sarà il coinvolgimento e il ruolo del terzo settore e delle formazioni sociali nel processo di fusione, attraverso una nuovo e più attuale veste della Consulta del terzo settore e del Comitato di partecipazione- e concludono -. Il progetto inoltre potrà contare su risorse aggiuntive regionali garantite per cinque anni che andranno ad incrementare i bilanci, per altro in salute, delle due Sds interessate alla fusione e anche sotto il profilo delle figure professionali potremo contare su un direttore unico completamente dedicato e già forte di una lunga esperienza proprio nella gestione della Società della Salute del Valdarno Inferiore". 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Tornano a salire i nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore. Ecco il dettaglio dei Comuni del Comprensorio. In Toscana sono 14.799 i contagi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Ciro Vestita

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca