Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:SAN MINIATO10°13°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
mercoledì 07 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, i tifosi del Marocco festeggiano il passaggio ai quarti

Attualità mercoledì 03 novembre 2021 ore 09:00

La facciata del seminario torna come nuova

L'intervento di restauro, iniziato a Maggio 2020, ha interessato la porzione di fabbricato sul lato destro della scalinata d'ingresso



SAN MINIATO — Si è concluso il secondo stato d’avanzamento del restauro della facciata del Seminario Vescovile di San Miniato.  Questo lotto di lavori, iniziati nel mese di Maggio del 2020, ha interessato la porzione di fabbricato posta sul lato destro della scalinata d’ingresso.

L'intervento si è svolto con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato e di Crédit Agricole Italia.

"Nella zona inferiore, molto danneggiata dall'umidità di risalita - spiega la diocesi- è stato risanato radicalmente l'intonaco ammalorato ed inquinato demolendo la malta fino alla struttura muraria e rimuovendo le molteplici stuccature fatte a cemento; l'intonaco è stato ripristinato con malta altamente traspirante. L'integrazione pittorica delle parti mancanti è stata fatta cercando uniformità ed armonia con il contesto generale con colori. Le finte architetture sono state ripristinate al fine di non interrompere il disegno originale ricostruendone fedelmente gli elementi tramite lo spolvero con colori di tipo minerale. ll colore è stato ottenuto con successive velature a latte di calce e terre colorate, modalità che ha conferito un’armoniosa vibrazione al tono pittorico. Il porticato, dopo il restauro degli intonaci sollevati e fatiscenti, è stato accuratamente stuccato ed è stato imbiancato con colore a calce e leggera patinatura finale. Il recupero ha interessato anche le parti in pietra consolidando le scaglie pericolanti con metodi differenziati secondo la profondità della lesione con materiali quali l’aquazo 500 in solvente o con la resina epossidica. La pulitura è stata fatta con diverse metodologie a seguito dell’esecuzione di piccole prove comparative tra cui, l’asportazione delle croste più dure con depositi scuri per mezzo di impacchi di pasta cellulosica e ammonio carbonato al 10% con tempi di contatto di circa 3 ore. Si è proseguito con la successiva rimozione dello sporco rigonfiato con spugne naturali e pennelli al fine di rimuovere dalla superficie le sostanze inquinanti. Le zone dilavate dalla pioggia, che non presentavano depositi o strati estranei, sono state pulite con acqua demineralizzata direttamente con spugne e pennelli di setola naturale completate da un lavaggio generale finale. Dopo la totale asciugatura del manufatto è stato effettuato, su alcune parti delle superfici più ammalorate e de-coese, un trattamento consolidante e protettivo a base di silicato di etile".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un imprenditore ha denunciato il furto ai carabinieri, che hanno ritrovato il bottino e denunciato una persona accusata del furto della merce
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Pierantonio Pardi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca