QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SAN MINIATO
Oggi 16°35° 
Domani 15°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
giovedì 20 settembre 2018

Sport domenica 08 luglio 2018 ore 15:00

I primi tre colpi di mercato per la Blukart

Ufficializzati gli accordi con i giocatori Lasagni, Mazzucchelli e Magini che vanno ad aggiungersi ai già confermati Nasello, Benites e Capozio



SAN MINIATO — Sono Simone LasagniAndrea Mazzucchelli e Michele Magini i primi tre nuovi acquisti del cda dell'Etrusca Basket che si vanno ad aggiungere ai già confermati Nasello, Benites e Capozio.

Simone Lasagni, classe 1994, ha giocato nella scorsa stagione a Cecina, dopo una parentesi di inizio stagione alla Liberats Livorno, ma solo per sei partite. Simone ha esordito a 19 anni in DNA ad Omegna e dopo una parantesi in serie C emiliana al Rebasket, approda alla Fiorentina nel 2015 dove dimostra tutte le sue capacità, per affermarsi in serie B nella stagioni successive a Cecina, Livorno e poi di nuovo Cecina. La sua ultima stagione è stata brillante, con circa 10 punti di media a partita in 29 minuti, con un finale di stagione in grande crescita, con un playoff da protagonista con 12,5 punti di media a partita. Simone è un esterno di grande atletismo, con una spiccata dote nel tiro da tre punti, che lo ha posto tra i migliori in questa classifica nelle ultime stagioni; ha sempre fatto registrare medie importanti al tiro, sempre intorno al 35% dall'arco, riuscendo a prendersi anche tiri dall'alto coefficiente di difficoltà nei vari frangenti della gara.

"La prima cosa che intendo fare è ringraziare la dirigenza dell'Etrusca e tutto lo staff per la grande fiducia che hanno riposto nei mie confronti che intendo ripagare il prima possibile - le prime parole in biancorosso di Lasagni -. Ho scelto questa piazza con grande entusiasmo e aver passato dei giorni a San Miniato ha accresciuto il mio entusiasmo, perché ho trovato un ambiente sano, con uno staff di alto livello e un posto accogliente. Caratterialmente sono una persona che non sa stare ferma anche nel periodo estivo e continuerò a giocare al campino e a lavorare in palestra, per farmi trovare al meglio al raduno di fine agosto e iniziare questa bella avventura in maglia Etrusca".

Accordo anche per l'esterno Andrea Mazzucchelli, in uscita da Fiorentina Basket. Classe 1994 e originario di Bergamo, Andrea è un guardia-play di grande versatilità e qualità, capace nell'ultima stagione di fare un campionato di altissimo livello a Fiorentina, con 9 punti di media a partita in 22 minuti, con il 55% da due e il 40% al tiro da tre punti, diventando una pedina irrinunciabile nelle fasi salienti della gara nella squadra allenata da coach Niccolai. Per questi numeri e per queste caratteristiche Andrea è stato fin da subito in cima alla lista dei desideri dello staff Etrusca, che lo ha seguito nell'arco di tutta la stagione e ha avuto modo di conoscerlo nell'ultima settimana, dopo le visite mediche di rito sostenute in questi giorni. Coach Barsotti e tutto lo staff tecnico hanno avuto modo di apprezzare non solo le doti tecniche, già note nell'arco delle ultime stagioni, ma le qualità umane e il grande carico di motivazioni che Mazzucchelli porta con sè nella nuova avventura all'Etrusca; tutte caratteristiche fondamentali far parte del gruppo Etrusca 2018/2019, che la societa sta cercando in tutti i profili visionati e in quelli già pronti alla chiamata al raduno di fine agosto.

"Voglio ringraziare la società Etrusca e Federico e il suo staff per la ferma volontà di volermi in questa stagione - ha commentato Mazzucchelli in maglia Etrusca -. Per me è un'opportunità importante per fare bene in una società che ha una solidità e una struttura importante: ho avuto in questi anni questa sensazione dall'esterno, ma i giorni passati a San Miniato per sostenere le visite mediche e conoscere l'ambiente hanno confermato questa idea oltre le più rosee aspettative. Nonostante la pausa di campionato sto continuando a lavorare con l'obiettivo di farmi trovare al meglio ad agosto: sono molto motivato perché sento di dover ripagare al meglio la fiducia che la società ha dimostrato da subito nei miei confronti. Ci vediamo presto sul campo!".

Ufficializzato in queste ore anche l'arrivo di Michele Magini, proveniente da Pino Firenze. Classe 1988, Michele è un play di grande carisma e conoscenza del gioco, proprio il profilo ricercato dallo staff Etrusca per coprire un ruolo chiave nel roster 2018/2019. Magini deve appunto mettere a disposizione della squadra la sua grande esperienza in categoria, avendo disputato più di 250 partite fra serie B e serie A dal 2005 ad oggi. Fiorentino doc, Michele ha iniziato la sua avventura da senior all'Everlast Firenze nel 2005, per poi girare un po' tutta Italia nei vari campionati di serie B tra Use Empoli, Massafra, Castelfiorentino, Spilimbergo, Bergamo, Bottegone e Pino Firenze. Al Pino ha giocato le ultime due stagioni tra serie B e serie C: nell'ultima stagione in serie C è stato il miglior tiratore da tre per percentuali della serie C Toscana. Esperienza, leadership, conoscenza del gioco e qualità: tutte caratteristiche che Michele possiede e che la dirigenza Etrusca e lo staff tecnico ricercavano in questo profilo. In questi giorni Magini ha sostenuto le visite mediche e ha avuto il primo contatto con il mondo Etrusca, conoscendo società, strutture e staff. 

"Prima di tutto voglio iniziare ringraziando il Pino Dragons Firenze per le ultime due stagioni, per quello che mi ha dato la società, l’ambiente, i compagni e il Gruppo Pampero, augurando a tutti di tornare il prima possibile nel campionato di serie B, categoria che meritano sicuramente - ha detto Magini -. Ho la fortuna di conoscere bene coach Barsotti da molto tempo e quando ti chiama quello che è fra i migliori allenatore di tutta la serie B, dicendoti determinate cose, non puoi dire no! Io avevo il desiderio di ritornare a giocare al più alto livello possibile dopo la stagione in C Gold a Firenze e San Miniato mi ha fatto capire che avrei ricoperto un ruolo importante in una squadra molto giovane e non mi è servito molto altro per dire sì. Le prime sensazioni sono molto positive, ho avuto amici che hanno giocato all'Etrusca e mi hanno spiegato che tipo di ambiente è, come si lavora, e cosa ci si aspetta da un giocatore; la società è quadrata, molto attenta a scegliere prima la persona che il giocatore, credo che questo sia la base per la costruzione di una buona squadra. Le mie motivazioni sono a mille: vengo da due stagioni intense, ma sfortunate e difficili per diversi motivi, quindi sono veramente entusiasta di iniziare la nuova avventura! Per quanta riguarda gli obiettivi credo che sarà il campo a dire quello che possiamo fare e dove possiamo arrivare: il lavoro durante la settimana sarà la chiave per toglierci più soddisfazioni possibili".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Imprese & Professioni

Imprese & Professioni

Politica