Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:08 METEO:SAN MINIATO10°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
mercoledì 30 novembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Cina, il silenzio del portavoce del ministro dopo la domanda sulla politica «zero Covid»

Politica giovedì 23 dicembre 2021 ore 10:30

"Lentezza e poche idee per il nostro Comune"

La rocca di San Miniato
Foto di: Piero Frassi

Il gruppo consiliare della Lega attacca il documento di programmazione dell'amministrazione: "Servono nuovi progetti e interventi per la sanità"



SAN MINIATO — Il documento unico di programmazione (Dup) presentato dall'amministrazione comunale di San Miniato in Consiglio comunale non ha soddisfatto il gruppo della Lega. Che, in una nota, ha spiegato i motivi del proprio dissenso.

"Dalla lettura del documento risulta evidente la vischiosità attuativa degli investimenti messi in ponte dal Comune. Un prospetto riassume con chiarezza la situazione: gli investimenti attivati negli anni precedenti al 2022 hanno un importo di 9 milioni di euro, dei quali non ancora conclusi per 8 milioni - hanno spiegato - questa situazione desta ancor più perplessità se si considera che l’attuale amministrazione è in continuità con le precedenti e, quindi, la lentezza esecutiva non si può certo ascrivere alla eventuale necessità della giunta di acquisire dimestichezza con la macchina amministrativa".

"Il documento si è caratterizzato anche per l'incapacità di prendere atto dei radicali cambiamenti che il Covid sta creando nella vita e nelle necessità dei cittadini - hanno proseguito - è di tutta evidenza che l'emergenza sanitaria non avrà breve durata e che con essa dovremo fare i conti ancora per molto. Siamo in presenza di una situazione completamente nuova, che richiede nuove idee e nuovi progetti, che nel programma triennale del Comune sono assenti".

"Considerata la situazione pandemica e la debolezza più volte emersa della medicina del territorio, l’amministrazione avrebbe potuto intervenire per sostenere i cittadini. Considerato che, in più occasioni, in questi mesi è emersa una carenza nel servizio delle guardie mediche, ci chiediamo se non sarebbe stato opportuno che il Comune avesse programmato un investimento per potenziare questo servizio - hanno commentato - per anni il Comune ha pagato le spese per mantenere a San Miniato l’ufficio del Giudice di pace: perché non fare altrettanto per una vigilanza medica in vigenza dello stato di emergenza?".

"Infine, il documento di programmazione accenna solo di sfuggita al Pnrr. Non vi è nessun approfondimento, nessuna indicazione su eventuali strategie per attirare nuove risorse - hanno concluso - in questi giorni il sottosegretario agli Affari europei Vincenzo Amendola ha portato nel Valdarno le sue idee e competenze in materia. Ha avuto contatti con tanti sindaci per parlare delle nuove opportunità. Avremmo desiderato vederlo anche a San Miniato, ma così non è stato".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel bollettino di oggi, martedì 29 Novembre, rialzo dopo il fine settimana con oltre 16mila tamponi processati. Nel Fiorentino altri 7 decessi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alessandro Canestrelli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità