Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:00 METEO:SAN MINIATO15°25°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
mercoledì 05 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Juliette Binoche e altre star francesi si tagliano una ciocca di capelli in solidarietà con le donne iraniane

Lavoro giovedì 07 luglio 2022 ore 18:35

Scioperi in Geofor, i sindaci non ci stanno

Lavoratori Geofor il giorno della "internalizzazione"

In vista di nuovi disagi nella raccolta dei rifiuti, 19 primi cittadini criticano Cobas e Usb: "Azioni sproporzionate a discapito dei cittadini"



PONTEDERA — Sono 19 i sindaci del bacino Geofor che hanno firmato una lettera di critica nei confronti di Usb e Cobas, che hanno proclamato due nuove giornate di sciopero per il 13 e 14 Luglio. Una protesta che, se andrà in porto, creerà disservizi nella raccolta dei rifiuti e disagi ai cittadini.

"A distanza di pochi giorni dallo sciopero del 28 Giugno - questa la posizione delle 19 amministrazioni comunali -, le OO.SS. USB e COBAS hanno proclamato due ulteriori giornate consecutive di sciopero dei servizi di igiene ambientale, previste per il 13 e 14 Luglio 2022. 

Era dal Dicembre del 2019 che il territorio della Provincia di Pisa non era teatro di una simile protesta. All’epoca dei fatti, le Amministrazioni Comunali si sono assunte la responsabilità di garantire ai lavoratori dell’igiene ambientale che a parità di lavoro corrispondesse un pari salario, pari diritti ma anche pari doveri. Si trattava, in pratica, di “internalizzare” (assorbire) centinaia di lavoratori, prima occupati nelle cooperative, trasformandoli in dipendenti diretti di Geofor, garantendo così una maggiore stabilità, una remunerazione più soddisfacente e quindi una più serena qualità della vita".

Il tutto era orientato a sottoscrivere un contratto di servizio in grado di assicurare uno standard di servizio qualitativamente crescente, una produttività in linea con le performance di settore, l’equilibrio di gestione. Questa scelta, che non è stata indolore, ha inevitabilmente prodotto pesanti ricadute nei conti di Geofor, ed ha indotto la Società a predisporre ed adottare uno stringente Piano Industriale per poter garantire una continuità all’azienda ed a chi ci lavora, oltre che per rimettere in moto un piano degli investimenti capace di perseguire gli obiettivi prima detti.

Le motivazioni delle due giornate consecutive di sciopero che emergono dall’incontro svoltosi in Prefettura il 6 luglio u.s. non sono attinenti a violazioni di diritti o disinteresse da parte di Geofor nel rendere compatibili le richieste sindacali per un miglioramento delle condizioni di lavoro con gli investimenti per il rinnovo di mezzi e con la riorganizzazione dei servizi, il tutto tenendo d’occhio i bilanci aziendali. Quel che emerge chiaramente dal verbale della Prefettura è, invece, un’esigenza di posizionamento sindacale che non può e non deve creare criticità importanti per 380.000 cittadini e 26 Amministrazioni Comunali.

Per questo i Sindaci dei Comuni serviti, senza ledere alcun diritto di sciopero, non possono fare altro che far notare ad USB e COBAS la sproporzione delle azioni rispetto alla materia del contendere. Non possono inoltre che invitare tutte le OO.SS. ad evitare una lotta di predominio che perda di vista gli impegni assunti. Non possono che invitare Geofor a portare a compimento, nel più breve tempo possibile le azioni già comunicate alle OO.SS. Non possono che ribadire a Retiambiente di impegnarsi a garantire la più ampia partecipazione a tutti coloro che vogliono davvero cogliere gli obiettivi di efficientamento del servizio, ammodernamento delle attrezzature ed impianti, favorendo il contenimento dei costi.

I Sindaci stanno dalla parte dei cittadini e pretendono per questo il rispetto dei patti del 2019, e che hanno permesso un miglioramento di condizione lavorativa per centinaia di operatori ecologici. I Sindaci faranno di tutto per garantire un servizio di qualità ai cittadini con tariffe sempre più sfidanti, anche a costo di rivedere alcune delle scelte fatte".

Questi i sindaci firmatari:

Arianna Buti (Buti)
Arianna Cecchini (Capannoli)
Cristiano Alderigi (Calcinaia)
Dario Carmassi (Bientina)
Francesca Brogi (Ponsacco)
Gabriele Toti (Castelfranco di Sotto)
Giacomo Tarrini (Chianni)
Giovanni Capecchi (Montopoli)
Giulia Deidda (Santa Croce sull’Arno)
Ilaria Parrella (Sanata Maria a Monte)
Marco Gherardini (Palaia)
Massimiliano Angori (Vecchiano)
Massimiliano Ghimenti (Calci)
Matteo Ferrucci (Vicopisano)
Matteo Franconi (Pontedera)
Michelangelo Betti (Cascina)
Michele Conti (Pisa)
Mirko Terreni (Casciana Terme Lari)
Simone Giglioli (San Miniato)


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Impennata di nuovi contagi dopo il fine settimana nei 6 Comuni del distretto conciario. A San Miniato se ne registrano 17, mentre a Fucecchio 18
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Attualità

Sport

Attualità