Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:20 METEO:SAN MINIATO17°21°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
martedì 27 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Elezioni, c'è una novità e un solo vincitore: ora è il tempo della responsabilità

Attualità lunedì 15 dicembre 2014 ore 18:04

Natale 2014, più tasse e meno regali

Confcommercio Pisa: "Un natale sobrio, compromesso dalle tasse". Ridotto il budget spesa per i giovani. In ogni famiglia 41 euro in meno da spendere



PROVINCIA DI PISA — L'aumento delle tasse ha provocato un ulteriore crollo dei consumi, ma al regalo di Natale non si rinuncia.  Secondo un sondaggio condotto da Confcommercio-Format, l'85% degli italiani effettuerà acquisti durante le festività, soprattutto per i familiari più stretti e i parenti. 

Tre consumatori su cinque spenderanno meno del 2013 e quasi tutti hanno previsto un budget massimo non superiore ai 300 euro. Aumenta anche la percentuale di coloro che quest'anno hanno deciso di spendere meno di 100 euro (il 33,2% contro il 31,5% dello scorso anno). A ridurre gli acquisti di Natale saranno soprattutto giovanissimi fino ai 24 anni, le famiglie, la fascia di età compresa tra i 45 e i 54 anni

Tra gli acquisti più desiderati dai consumatori, alimentari e giocattoli, mentre aumenta la tendenza all'acquisto del regalo tecnologico come smartphone, tablet, play station e affini. I regali saranno acquistati presso i punti vendita della grande distribuzione (64%), ma anche nei negozi tradizionali (55%). Crescono anche gli acquisti online, soprattutto per i più giovani (+7,9% rispetto al 2013).

“Un natale sobrio e con poco entusiasmo – commenta Federica Grassini, presidente di ConfcommercioPisa -. Tredicesime e bonus di ottanta euro serviranno soprattutto per pagare le tasse, a maggior ragione per i pisani, quasi unici in Italia a dover pagare anche la tassa di scopo. Il reddito disponibile pro capite reale è tornato indietro di 27 anni, i consumi reali sono retrocessi di 17 anni, a queste condizioni è impossibile aspettarsi un Natale scintillante. I saldi invernali, che in Toscana inizieranno il 3 gennaio e non il 5 come scrive qualcuno erroneamente, possono rappresentare una boccata d'ossigeno sul volume delle vendite, ma i margini di guadagno per gli imprenditori restano fin troppo risicati, compromettendo alla fine gli investimenti futuri”.

“Tasse, tasse e ancora tasse e i consumi ne risentono anche sotto Natale – spiega il direttore di ConfcommercioPisa Federico Pieragnoli- Tra Ici/Imu/Tari, canone Rai e tasse automobilistiche si spenderà il 18% in più dello scorso anno, con la tredicesima effettivamente disponibile per i consumi che si abbassa del 3,2% in meno rispetto al 2013, ovvero 41 euro in meno a famiglia. Le tasse si porteranno via un miliardo e 400 milioni di euro di potenziali acquisti!”


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Tecnici di Acque al lavoro per la riparazione. Le zone interessate sono San Romano, Capanne, Angelica e la zona industriale Fontanelle
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Politica

Attualità

Politica