Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:SAN MINIATO19°33°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
giovedì 20 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Brucia la collina dei Camaldoli, paura a Napoli
Brucia la collina dei Camaldoli, paura a Napoli

Attualità venerdì 03 settembre 2021 ore 18:00

"Festa del ritorno" per l'arazzo di San Lorenzo

Consegnato l'opera d'arte proveniente da una basilica romana. Il sindaco Capecchi: "Riscoprire le nostre origini per valorizzare il territorio”



MONTOPOLI IN VAL D'ARNO —

L'arazzo proveniente da Roma, dalla basilica di San Lorenzo Fuori le Mura, fa da ieri mostra di sé sull'altare del piccolo oratorio di San Lorenzo a Pratiglione. Lo ha consegnato Stefano Mattii insieme al coro di Castelfiorentino a don Udoji parroco di Montopoli e al sindaco Giovanni Capecchi in quanto rappresentanti della comunità civile e religiosa. 

"Da qui si parte per valorizzare ancora di più il nostro territorio - ha detto il sindaco Giovanni Capecchi - e conoscerlo meglio, auspico dunque che ogni anno a San Lorenzo possa esserci un momento di incontro tra tutti coloro che hanno abitato negli anni in questa borgata, una sorta di festa del ritorno, e che venga portato avanti un approfondimento storico sulla chiesa di San Lorenzo. Un lavoro già avviato da don Luciano Niccolai, Manuela Parentini e Valerio Martinelli". 

"Conoscere e tramandare le nostre origini e le tradizioni religiose e laiche - ha aggiunto il primo cittadino - è un valore aggiunto per il tempo che viviamo". 

Una cerimonia raccolta, ma sentita grazie al calore del pubblico che giovedì sera ha potuto ascoltare i fili della storia riannodarsi fino ad arrivare all’oggi, a quando un microterritorio si è messo in collegamento con altre realtà italiane e del mondo partendo proprio dal culto di San Lorenzo. Una serata dedicata alle emozioni e alla riscoperta di storie antiche. Storie come quella di Stefano Mattii che ha raccontato come è nato l'inno a San Lorenzo (tradotto e cantato in molte lingue nel mondo) e come un piccolo coro di provincia sia diventato il coro principale delle celebrazioni della basilica romana. 

"Questa sera - ha detto l'assessora alla cultura Cristina Scali - abbiamo unito arte, storia e tradizione. Un risultato frutto di un lungo percorso che ha visto impegnate più persone su più fronti. C’è la ricostruzione storica e la costruzione di nuovi legami. Ringrazio chi si è dedicato a questo progetto e la comunità di San Lorenzo per la disponibilità". 

"Dalla testimonianza di San Lorenzo - ha concluso l’assessore alla promozione e allo sviluppo del territorio, Valerio Martinelli - ne possiamo ricavare degli insegnamenti molto utili per i tempi che stiamo vivendo oggi. Siamo molto felici che questa tradizione trovi di nuovo casa, qui, nel nostro comune".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Naufragata la possibile alleanza: per la lista non sono state date garanzie sulla questione delle bibliotecarie e l'area logistica di San Donato
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Attualità

Politica