Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:32 METEO:SAN MINIATO10°21°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
giovedì 28 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Casellati contro Santangelo (M5S): «Lei è un grande maleducato, io l'ammonisco

Cultura martedì 31 agosto 2021 ore 14:47

Un arazzo da Roma per l'oratorio di San Lorenzo

Un Arazzo da Roma per l'oratorio di San Lorenzo a Pratiglione. "Quando l'arte si unisce a storia e identità della comunità è un valore per tutti"



MONTOPOLI VALDARNO — Da Montopoli a Roma e ritorno, nel segno di San Lorenzo. Un arazzo raffigurante il diacono Lorenzo sarà portato e consegnato direttamente dalla basilica di San Lorenzo al Verano a Roma, dove sono custodite le spoglie del santo, giovedì 2 settembre alle 21, nell'oratorio di San Lorenzo a Pratiglione.

Un momento di festa nella piccola borgata che collega La Serra a Montopoli (nei pressi della fonte del Tesorino). Come nasce questo legame? A luglio il parroco di Montopoli don Udoji ha fatto domanda per aderire al comitato San Lorenzo diacono e martire nel mondo, una realtà a cui partecipano circa duecento tra comunità e paesi sparsi nel mondo e sul cui network hanno aderito più di 2500 persone.

"La storia e la cultura della nostra terra – ha detto il sindaco Giovanni Capecchi - interseca le sue origini nella storia dei territori. L'amministrazione comunale è particolarmente attenta a valorizzare le origini e le tradizioni laiche e religiose dei nostri avi, a maggior ragione quando creano e sviluppano nuove e importanti relazioni per il nostro territorio valide per l'oggi. Lo abbiamo visto anche recente mente con le iniziative volte a valorizzare le Compagnie di Montopoli e di Stibbio durante il lockdown e con esse la festa degli angeli di San Romano che hanno interessato più di cinquemila persone".

Un legame che potrebbe consolidarsi con un appuntamento proprio a Roma a cui far partecipare una delegazione religiosa e istituzionale di Montopoli. "Ringrazio la comunità di San Lorenzo – ha detto l'assessora alla cultura Cristina Scali – per la disponibilità. Quando si riesce a unire arte, storia, tradizione e identità della comunità si crea valore e crescita per tutti".

Giovedì 2 settembre non mancheranno le sorprese. Saranno presenti don Luciano Niccolai e Manuela Parentini per raccontare alcuni aneddoti e particolari storici dell'oratorio (che sarà aperto e visitabile a tutti), mentre da Castelfiorentino parteciperà Stefano Mattii con il coro di San Lorenzo autore dell'inno al santo composto recentemente, tradotto in più lingue e cantato in tutto il mondo. 

All'assessore alla promozione e allo sviluppo del territorio, Valerio Martinelli il compito di tratteggiare un breve profilo della vita del santo. Coordina la serata Fabrizio Mandorlini, presidente dell'Unione Cattolica Artisti Italiani.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La sindaca Deidda ha fatto il punto sui numeri, che segnalano un incremento nelle quarantene. Raccomandazioni alla prudenza
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità