Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:00 METEO:SAN MINIATO15°25°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
mercoledì 05 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Juliette Binoche e altre star francesi si tagliano una ciocca di capelli in solidarietà con le donne iraniane

Attualità venerdì 06 aprile 2018 ore 17:26

Dalla frutta processi più green per la concia

Il ricercatori dei laboratori Poteco

Conciare le pelli si fa più green grazie a nuovi processi industriali e coloranti eco-compatibili derivanti dal settore agroalimentare



SANTA CROCE SULL'ARNO — Usare scarti alimentari per realizzare coloranti e valorizzare la eco-compatibilità del processo conciario: è la nuova sfida "green" che arriva dal distretto di Santa Croce sull'Arno, obiettivo del progetto di ricerca "Coconat", attivo presso il Polo Tecnologico Conciario.

Scarti di pomodori, cipolle e olive rinascono a nuovi usi. Foglie, bucce, e potature di olivo sono alcuni dei prodotti usati nell’ambito del progetto, insieme a scarti dell’industria conserviera e ortofrutticola, come residui di pomodori, cipolle e melograni. 

"L’idea alla base del progetto Coconat - ha spiegato il direttore Poteco, Domenico Castiello - è quella di usare risorse destinate a smaltimento come substrato di partenza per sviluppare coloranti e concianti innovativi ed ecologici: il progetto prevede l’uso di concianti a base di polifenoli estratti da matrici di scarto dell’industria agroalimentare in sostituzione di concianti a base di sali metallici e verifica l’utilizzo di coloranti naturali organici ricavati da quegli stessi scarti". 

Tra i risultati attesi del progetto vi sono la riduzione di più del 50% del costo dei concianti polifenolici e coloranti, la riduzione di circa il 20% dei costi di smaltimento da parte dell’azienda conciaria e di circa il 30% del quantitativo dei fanghi da depurare. "I prodotti ottenuti dalle matrici di scarto agroalimentare - ha sottolineato in proposito Castiello - consentiranno di realizzare manufatti ipoallergenici e biodegradabili senza perdere in qualità e performance del prodotto finito concorrendo a ridurre l’impatto ambientale del ciclo di produzione delle pelli".

Numerosi i soggetti coinvolti nel progetto in rappresentanza dell’intera filiera del conciario in collaborazione con qualificati organismi di ricerca con l’obiettivo di fondere conoscenze diverse e affrontare al meglio i diversi aspetti di processo: promosso nell’ambito del Programma Operativo Regionale Toscana Fesr 2014-2020/ Bando Progetti Strategici Ricerca e Sviluppo, il Coconat ha, tra i suoi partner Conceria Lufran (capofila), Italven Conceria, Klf Tecnokimica, Tecno srl, Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale dell'Università di Pisa, Consorzio Polo Tecnologico Magona ed Everest srl.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Impennata di nuovi contagi dopo il fine settimana nei 6 Comuni del distretto conciario. A San Miniato se ne registrano 17, mentre a Fucecchio 18
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Attualità

Sport

Attualità