QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SAN MINIATO
Oggi -1°13° 
Domani -5°9° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
martedì 11 dicembre 2018

Attualità sabato 30 giugno 2018 ore 10:28

​Museo della Memoria, ultimi ritocchi

L'inaugurazione fissata per il 24 luglio. Gabbanini: “Così salvaguardiamo la nostra storia e favoriamo la convivenza civile”



SAN MINIATO — A meno di un mese dall'inaugurazione del MuMe-Museo della Memoria di San Miniato, prevista per il prossimo 24 luglio, l'amministrazione comunale ha fatto il punto sul progetto, illustrando il percorso e annunciando alcune novità. A presentare le articolate fasi sono stati il sindaco di San Miniato Vittorio Gabbanini, l'assessore alla cultura Chiara Rossi, l'assessore ai lavori pubblici Marzia Fattori, l'architetto Serena Chiarugi, la curatrice del Museo Barbara Pasqualetti e il pittore Luca Macchi. Presente anche Mario Sladojevich della Fondazione CRSM che ha cofinanziato i lavori di restauro del Museo, Beppe Chelli e Daniele Benvenuti che stanno realizzando l'archivio di video-interviste da cui prendono spunto gran parte dei materiali multimediali inseriti nel percorso museale.

“Il filo conduttore che è stato seguito nell'allestimento riguarda il tema della lacerazione (fisica, sociale e psicologica) che si ritrova sia in alcune suddivisioni dello spazio, sia nella realizzazione del logo – spiega l'architetto -, una memoria trafitta da tagli trasversali che, come lame, lasciano ferite profonde e cicatrici indelebili nella storia della comunità sanminiatese”. Presentato l'importante intervento realizzato sullo spazio. “Il complesso di San Domenico diventa palazzo della cultura a tutti gli effetti con questo ultimo tassello – spiegano gli assessori Rossi e Fattori -. In due intensi mesi di lavoro si realizza un progetto importante che adesso è in via di conclusione”.

Seguendo alcuni documenti che testimoniavano e descrivevano la presenza, seppur sotto lo scialbo, di cinque affreschi realizzati da Dilvo Lotti nel 1934: le cinque scene realizzate nell'ex refettorio dei domenicani, all'epoca Casa della Gioventù Italiana del Littorio (GIL), raffigurano scene di vita del periodo fascista. Su di esse sono stati condotti saggi per verificare l’apparato pittorico interno alla struttura e riportati alla luce. “Si tratta di opere giovanili di Dilvo, il primo lavoro su committenza – spiega Luca Macchi -, del quale però non lui non parlava mai. Alla fine del periodo fascista gli affreschi furono ricoperti perché raffiguravano scene di vita e momenti del periodo fascista. Oggi sono stati riportati alla luce e costituiscono un documento eccezionale per il MuMe”.

Il costo complessivo per la realizzazione del Museo, comprensivo dei lavori di restauro, della funzionalizzazione degli spazi e dell'allestimento museale è 240mila euro, grazie ad un cofinanziamento della Fondazione CRSM. Le spese più consistenti hanno riguardato la realizzazione dell’allestimento (110mila euro) e il restauro architettonico, il descialbo degli affreschi di Dilvo Lotti, la realizzazione di saggi sulle pareti interne, gli infissi e le porte, la migliore funzionalità degli spazi, degli accessi e dell'uscita di sicurezza, il rifacimento del servizio igienico e il trattamento della pavimentazione in cotto (50mila euro).

Per quanto riguarda il percorso espositivo tutto è iniziato con un'intensa attività di ricognizione del materiale messo a disposizione dalla cittadinanza, insieme alla raccolta dei materiali messi e alle preziose collaborazioni con cultori di storia locale e associazioni.

“L’esposizione è costituita per gran parte dalle memorie dei cittadini che attraverso oggetti, lettere, fotografie, video-memorie hanno voluto raccontare la loro storia – spiega la dottoressa Pasqualetti -. La raccolta museale è articolata in tre sezioni dal 1921, anno in cui anche a San Miniato furono istituiti i Fasci di combattimento, al 1946, quando si proclama la nascita della Repubblica, in cui sono esposti oggetti appartenuti a cittadini sanminiatesi, oltre a cinque postazioni multimediali, realizzate in collaborazione con la Scuola Normale Superiore, a disposizione dei visitatori che vorranno approfondire i contenuti. La multimedialità è uno degli elementi fondanti di un percorso espositivo perché pone l’accento sull’aspetto emozionale che il tema della guerra suscita nel visitatore: l’angoscia, la paura, la commozione, la voglia di ripartire per costruire una società migliore”. Esposti una serie di oggetti che verranno esposti, appartenuti a Giuseppe Gori, Angiolo Cheli, Carlo Chelli e Giorgio Morelli alcuni dei protagonisti del percorso museale.

“Veder diventare realtà un progetto che la mia amministrazione ha così fortemente voluto è un sogno che si realizza – commenta il sindaco Gabbanini -. Le difficoltà in questi anni sono state molte, ma oggi possiamo dire di averle superate ed essere riusciti a costruire un luogo deputato alla conservazione dell’insieme di valori e delle testimonianze della storia più recente della comunità di San Miniato. Il nostro obiettivo è sempre stato quello di promuovere la salvaguardia della memoria storica e di favorire una attiva e consapevole cultura della pace e della convivenza civile, valori che, in questo momento storico, è più importante che mai preservare – e conclude -. Il 24 luglio sarà una grande giornata per San Miniato e per tutti noi, perché se siamo riusciti a realizzare questo progetto così grande lo dobbiamo alla buona volontà e alla grande collaborazione tra tutte le persone, le associazioni e gli enti”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Politica

Cronaca

Attualità