Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:35 METEO:SAN MINIATO16°21°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
giovedì 29 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Boldrini contestata alla manifestazione per il diritto all'aborto: «Vada via da questa piazza»

Politica venerdì 05 agosto 2022 ore 11:00

"Frazioni lasciate completamente a se stesse"

Il palazzo comunale di San Miniato

Il gruppo consiliare della Lega si rivolge all'amministrazione denunciando l'assenza di progetti per San Romano, San Donato e Ponte a Egola



SAN MINIATO — Al di là del capoluogo, l'amministrazione non ha fatto niente per le frazioni. Questo è il pensiero del capogruppo della Lega in Consiglio comunale, Roberto Ferraro, che punta il dito contro i mancati interventi del Comune.

"In questi ultimi mesi il Comune ha assunto iniziative per il capoluogo con l’introduzione della zona a traffico limitato e per San Miniato Basso ha annunciato che farà investimenti volti a migliorare la vivibilità e la capacità aggregativa della frazione - ha detto - alcune di tali iniziative possono anche non essere condivise, ma resta il fatto che almeno si è tentato di uscire da un immobilismo che dura da 20 anni. Quello su cui non si può essere assolutamente d’accordo è il diverso trattamento che subiscono alcune importanti frazioni come Ponte a Egola, San Donato e San Romano, le quali appaiono totalmente dimenticate".

"In queste frazioni vi è una quasi totale assenza di progettualità, surrogata solo da promesse che non trovano mai realizzazione - ha aggiunto - centri di assistenza sanitaria particolarmente utili ai cittadini anziani sono totalmente assenti a San Donato e San Romano, mentre a Ponte a Egola l’esistente è precario e costantemente a rischio chiusura. L’idea di creare centri di aggregazione connessi a moderne strutture dove i cittadini possano incontrarsi non è neppure all’orizzonte, se si esclude ciò che viene costantemente fatto e organizzato intorno alle strutture di partito".

"San Donato è urbanisticamente un dormitorio e non ci sono progetti per renderlo più vivibile, mentre Ponte a Egola da decenni soffre il degrado derivante dalle vecchie strutture industriali - ha concluso - in questa frazione non riescono a decollare neppure elementari progetti come il ponte pedonale di collegamento con Molino d’Egola. Fino a quando i cittadini che risiedono nelle frazioni periferiche dovranno sopportare di essere figli di un Dio minore?"


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sul territorio comunale l'amministrazione ha installato i dispositivi nelle vie di accesso di Montopoli. Capecchi: "Obiettivo di mandato raggiunto"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Cronaca