Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:15 METEO:SAN MINIATO9°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
venerdì 21 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Russia, le immagini delle nuove esercitazioni militari con i missili Kalibr

Politica sabato 06 aprile 2019 ore 09:00

CambiaMenti e la questione ambientale

Il movimento che candida a sindaco Manola Guazzini attacca l'amministrazione sulle concessioni per lo smaltimento di rifiuti pericolosi



SAN MINIATO — Per Cambiamenti "la questione ambientale è ad oggi la sfida più importante che la società contemporanea deve assolutamente vincere per avere una chance di preservare l’ecosistema". 

Una sfida globale che, a detta del movimento ora guidato da Manola Guazzini, si deve tradurre con fatti concreti a livello locale. "Il sistema dei rifiuti si è trasformato in business - osservano dal movimento sanminiatese - ed è quindi stato gestito spesso solo come materia economica senza curarsi del vero impatto che avrebbe avuto sulla vivibilità delle nostre città e dei nostri territori". 

"CambiaMenti - ci tengono a sottolineare - ha deciso in tempi non sospetti (circa un anno fa) che nel Programma Elettorale i concetti di rigenerazione urbana, economia circolare, sostenibilità ambientale e sociale erano concetti basilari per un territorio che ha già speso molte sue risorse, ed anche perché convinti che questo sia il solo modo di creare una società più giusta ed equa"

"Per questo motivo - concludono - in questi giorni abbiamo appreso con ansia e preoccupazione che a poche centinai di metri dal centro di Ponte a Egola sono stati rinvenuti 7500 litri di sostanze chimiche contenute in 30 fusti potenzialmente pericolosi (ricordiamo che sono in corso indagini in merito). Anche se fortemente preoccupati per una serie di fatti accaduti nel nostro Comune ribadiamo la nostra assoluta volontà di affiancare lo sviluppo economico in un percorso condiviso a sostegno dei valori ambientali e di sostenibilità al fine di migliorare la nostra qualità di vita ed aiutare le aziende ad essere sempre più competitive; ma rimaniamo vigili e pronti nel denunciare qualora si verifichino irregolarità o reati ambientali in maniera da difendere il diritto alla salute dei nostri cittadini. Troviamo quindi moralmente discutibile che l’attuale amministrazione abbia potuto permettere l’apertura d’impianti per il trattamento di rifiuti pericolosi a pochi passi da scuole, futuri ospedali ed abitazioni".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il dettaglio Comune per Comune sulle positività registrate nelle ultime 24 ore. Tra ieri e oggi, in Toscana sono 13.720 i nuovi casi Covid
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità