QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SAN MINIATO
Oggi 14° 
Domani 10° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
giovedì 14 novembre 2019

Attualità martedì 21 luglio 2015 ore 11:00

Nuova pista di atletica, M5S critica l'operazione

Per il Movimento "l'intervento non porta alcun risparmio ma solo una spesa di 400mila euro, più interessi. E nessun ritorno economico sul territorio"



SANTA MARIA A MONTE — "Annunciare l’avvio dei lavori alla pista di atletica degli impianti sportivi di Ponticelli, per l’amministrazione Parrella è un vanto, per noi del Movimento 5 Stelle di Santa Maria a Monte è l’ennesima beffa per la cittadinanza che aspetta tutt’altre opere pubbliche". Così il Movimento 5 Stelle.

Che continua: "La pista di atletica non porta alcun risparmio ma semplicemente una spesa di 400mila euro più interessi. I lavori assegnati ad una azienda di Prato, non danno quindi un ritorno economico degli investimenti sul territorio. Molti comuni limitrofi e non in Toscana hanno dismesso gli impianti di atletica e comunque non hanno investito su tali impianti perché hanno costi di manutenzione e di gestione elevati, perché l’attività che può essere svolta con un ritorno economico importante è limitata a pochi mesi l’anno e la fruizione della pista è limitata a poche persone rispetto al costo che si abbatterà su tutti i cittadini nei prossimi 10 anni".

Tanti Comuni in Toscana - secondo il M5S - hanno "preferito investire in “percorsi-vita” e piste ciclabili, sfruttando fondi regionali ed europei ai quali bastava partecipare con progetti concreti e lungimiranti. Percorsi e piste ai quali poter accedere tutto l’anno e a tutte le ore del giorno con il vantaggio di poter mettere in sicurezza il territorio anche dal punto di vista pedonale. Aspetto quest’ultimo di cui Santa Maria a Monte ha un impellente bisogno".

"Noi del Movimento 5 Stelle di Santa Maria a Monte chiediamo alla amministrazione comunale: perché sprecare tanti soldi in un'opera che rimarrà una cattedrale nel deserto? Noi pensiamo che prima di avviare un'opera così onerosa fosse necessario consultare i cittadini e chiedere loro quali fossero le priorità. Perché non lo avete fatto? Già voi siete quelli che avete creato le Consulte e i Forum, peccato che non esiste un verbale che renda pubblico ciò di cui avete discusso con chi compone tali organi, alla faccia della trasparenza".

"Certo voi avete le vostre strategie: ci piacerebbe che diceste quale conseguenza avranno le scelte attuali sul futuro di Santa Maria a Monte, quali oneri produrranno su chi amministrerà in futuro condizionandone le scelte economiche", sottolinea il M5S. E aggiunge: "Chiediamo quali sono le priorità a chi attraversa la rotatoria davanti alla Coop di Ponticelli o a chi cammina lungo i ponticelli della Strada Provinciale Francesca; chiediamolo a chi ha davanti casa l’impianto a biogas di San Donato; chiediamolo agli abitanti di Via Del Bruno; chiediamolo a chi, nel 2015, per uscire a passeggiare, la sera d’estate e prendere un po’ d’aria fresca deve munirsi di torcia e giubbetto catarifrangente".

"Ancora chiediamo al sindaco, ma i cittadini una volta giunti alla pista di atletica, dovranno pure chiedere il permesso per fare una passeggiata alle società sportive che hanno diritto, giustamente, a frequentare l’impianto? In caso di accesso autorizzato chi paga per eventuali infortuni di persone non tesserate per le società che gestiscono gli impianti?"



Tag

Mose, Fiorello in diretta: «7 mld per un opera che non serve a niente»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità