Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:30 METEO:SAN MINIATO14°20°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
venerdì 30 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Fiume di fango sfiora le case: a Formia frana la montagna dopo il nubifragio

Attualità mercoledì 19 aprile 2017 ore 14:00

Un nastro in acciaio in ricordo di Montanelli

Dopo quella di Biagi, l'artista Marco Puccinelli ha realizzato una scultura anche per il celebre giornalista fucecchiese. Il 22 aprile l'inaugurazione



FUCECCHIO — L’amicizia che legava Indro Montanelli e Enzo Biagi era di lunga data. Un toscano e un emiliano tanto diversi nei modi e tanto uniti da una stima reciproca che li ha accompagnati fino agli ultimi giorni di vita. Il fucecchiese di nascita e il fucecchiese d’adozione. Biagi ricevette la cittadinanza onoraria dal paese di Indro nel 2002.

Un legame resistente come l’acciaio. A Fucecchio sarà proprio l’acciaio ad unire idealmente questi due giganti del giornalismo italiano. In acciaio è la scultura dedicata a Enzo Biagi, inaugurata nel 2008 e intitolata “La pace in una penna”, e in acciaio è quella che verrà scoperta sabato prossimo alle ore 11,30, dedicata a Indro Montanelli.

L’occasione sarà l’inaugurazione del rifacimento di piazza della Ferruzza a Fucecchio, realizzato dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Alessio Spinelli e impreziosito dall’opera intitolata “La libertà in un nastro – Lettera 22”. A realizzarla è stato lo stesso autore di quella dedicata a Biagi, lo scultore fucecchiese Marco Puccinelli.

Come e quando è nata l’idea di una scultura dedicata a Montanelli? E’ nata nel 2008, subito dopo la realizzazione dell’opera per Biagi. Io sono nato a Fucecchio, Montanelli era di Fucecchio, mi è sembrata una conseguenza naturale dedicare una scultura al nostro concittadino più illustre. Da parte mia però voglio sottolineare che non si tratta soltanto di un aspetto campanilistico, c’è una grande stima verso il Montanelli scrittore e giornalista, secondo me il più grande.

Ma Montanelli in vita ha ricordato più volte di non gradire un monumento. La mia opera non rappresenta la sua immagine ma il suo pensiero, i fatti che raccontava e le sue idee, a volte scomode. Tutto questo imprigionato nel nastro della macchina da scrivere come se fosse per me la tavolozza con i colori e i pennelli. La mia opera è una sintesi del suo pensiero. Non ho cercato assolutamente una raffigurazione dell’immagine.

Come mai per Biagi e Montanelli hai scelto di utilizzare l’acciaio inox? Perché è un materiale eterno, come è eterno il pensiero di Montanelli. E’ stato un uomo libero nelle sue idee e grazie al lui il nome di Fucecchio è conosciuto ovunque.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel bollettino di oggi, giovedì 29 Settembre, sono stati riportati oltre 11mila tamponi processati. In Provincia di Firenze registrati 4 nuovi decessi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità