Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:40 METEO:SAN MINIATO7°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
lunedì 06 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Il crollo degli edifici ore dopo il sisma in Turchia: i video ripresi con gli smartphone

Attualità giovedì 03 agosto 2017 ore 16:00

Il centro di ricerca del Padule è a rischio

Il Padule di Fucecchio

​Sinistra Italiana si schiera contro la chiusura del centro di documentazione e promozione. "Chiediamo alla Regione di ripensare le sue scelte"



FUCECCHIO — Il Padule di Fucecchio è l'area umida più importante d'Europa. È un ecosistema straordinario, che merita di essere protetto, valorizzato e conosciuto nel modo più ampio possibile. All'interno della zona palustre è attivo ormai da decenni il centro di ricerca, documentazione e promozione, la cui funzione è quella di preservare l'area dai pericoli derivanti da un uso irresponsabile del suolo e delle acque.

"E' un avamposto per la difesa del territorio - scrivono da Sinistra Italiana - veicola fondamentali conoscenze scientifiche, promuove iniziative di educazione ambientale, controlla e limita i danni di attività agricole e venatorie poco compatibili con le caratteristiche della zona. Il Centro adesso rischia di chiudere per mancanza di fondi: la Regione Toscana non intende più sostenere le spese di sua pertinenza e i comuni interessati (Fucecchio, Monsummano, Larciano, Carreto Guidi) da soli non possono affrontare la gestione del Centro".

"I due dipendenti - proseguono dal partito - che da anni seguono le attività di carattere didattico-scientifico dell'Associazione e svolgono con competenza e professionalità il loro ruolo di attenti osservatori ambientali, sono in procinto di essere licenziati. La politica del risparmio, del taglio delle risorse a settori di fondamentale importanza per la vita della collettività, è ormai consuetudine e gli amministratori locali troppo spesso si adeguano alle direttive emanate a livello nazionale".

"I tagli alla sanità, alla scuola, all'ambiente sono una realtà evidente e drammatica: privare un istituto indispensabile al programma di tutela del territorio, dei fondi necessari per continuare a svolgere il suo ruolo, rientra perfettamente nella logica del risparmio indiscriminato. I settori prioritari, quelli che migliorano la qualità della vita, hanno bisogno di sostegno e non di tagli. La tutela ambientale rientra a pieno titolo tra i capitoli di spesa che non possono essere penalizzati. Chiediamo pertanto alla Regione Toscana di ripensare le sue scelte in nome dell' interesse collettivo e della tutela dei beni comuni".

Art 1, Mpd, Sinistra Italiana, Possibile, Fabrica Comune chiedono al sindaco e alla Giunta di: "Intraprendere tutte quelle iniziative volte al reperimento dei fondi che consentano di mantenere aperto il Centro di Ricerca, Documentazione e Promozione del Padule di Fucecchio, in particolare versare come quota associativa la somma annuale di 5mila euro, di farsi promotore verso la Regione Toscana affinché mantenga gli impegni presi quando ha avocato a sé le funzioni svolte dalle Province compreso l’erogazione delle risorse per la funzionalità del Centro".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Confcommercio si fa portavoce delle richieste dei commercianti: "Dalle 19 i clienti evitano il centro per paura delle multe”
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità