Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:15 METEO:SAN MINIATO13°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
sabato 10 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Principe Filippo, colpi a salve di cannone in tutto il Regno Unito

Cronaca lunedì 05 aprile 2021 ore 07:58

Covid, il numero dei contagi resta stabile

A Fucecchio il numero settimanale dei contagi rimane stabile. Sono ancora 112 i positivi al Covid negli ultimi sette giorni



FUCECCHIO — Dopo la diminuzione della scorsa settimana sembra essersi arrestata la discesa del numero di contagi da Covid a Fucecchio. Sono stati 112 quelli rilevati nel periodo 28 marzo-3 aprile (tasso di 487 ogni 100mila abitanti), a fronte dei 113 della settimana precedente. Come accadde tra ottobre e novembre, quando i numeri furono simili, la discesa non arriva immediata a seguito del lockdown. In autunno, dopo il picco di 141 contagi raggiunto alla fine di ottobre, seguirono altre quattro settimane con oltre 100 casi. Stavolta il picco si è avuto con 151 casi nel periodo 14-20 marzo e le due settimane successive, pur con dati migliori, si è rimasti allo stesso modo su numeri a tre cifre.

“I provvedimenti restrittivi – spiega il sindaco Alessio Spinelli – non portano risultati immediati, come è facile immaginare. Anche perché bisogna ammettere che le zone rosse di questo periodo non stanno avendo gli stessi effetti delle precedenti. Molti cittadini, nonostante i 500 morti al giorno e le migliaia di persone in terapia intensiva, non vivono più il Covid con la stessa paura del passato. Basta uscire per vedere che le strade non sono deserte come un anno fa. Da una parte è comprensibile, c'è la voglia di normalità che è sempre più forte dopo 13 mesi di sacrifici e rinunce. Dall’altra però questo atteggiamento sta ritardando la riduzione del contagio con tutte le conseguenze del caso: più persone positive, più persone in ospedale, più persone morte. Per evitare gli assembramenti in una situazione del genere non bastano i controlli, servirebbe uno stato di polizia permanente che non è neppure immaginabile con le forze dell'ordine di cui dispone lo Stato. 

Se il senso di responsabilità delle persone non avrà il sopravvento saremo costretti a convivere con questo virus ancora per un po’, nonostante la campagna vaccinale stia accelerando molto negli ultimi giorni. Da oggi all’hub dell'ospedale San Giuseppe a Empoli si fanno 1.000 vaccini al giorno che si sommano a quelli degli altri ambulatori e ai vaccini fatti dai medici di famiglia. La forte accelerazione delle vaccinazioni credo che cambierà le cose ma temo che questo mese di aprile dovremmo convivere ancora con numeri molto tristi”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'uomo, di origini napoletane, era molto conosciuto nel comprensorio del cuoio dove viveva, e in Valdera. Aveva un'attività a Peccioli
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Politica

Attualità