Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:30 METEO:SAN MINIATO13°26°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
lunedì 27 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Atterraggio da paura: l'aereo in avaria sfiora i tetti delle case

Attualità venerdì 03 maggio 2024 ore 15:30

Crisi delle concerie, si attiva la Regione

Il comparto lancia un sos per la riduzione dei fatturati, che mette a rischio l'occupazione. Pieroni: "Impegnare subito la Giunta con una risoluzione"



FIRENZE — L'industria conciaria preoccupa. Per questo, in Regione si è svolto il tavolo di confronto alla presenza dei rappresentanti del comparto, come Unic Concerie Italiane, l'Associazione Conciatori, il Consorzio conciatori di Ponte a Egola, Assa e Confindustria toscana.

La situazione internazionale, infatti, da qualche anno sta incidendo in maniera negativa, con una forte contrazione dell'export e, contestualmente, degli occupati, sempre più interessati dalla cassa integrazione.

Il confronto è avvenuto con la seconda Commissione per lo sviluppo economico e rurale del Consiglio regionale, con una discussione incentrata soprattutto sugli strumenti a supporto del comparto conciario e della filiera della moda. Come assicurato dalle associazioni dei conciatori, nei prossimi giorni verrà formalizzato un documento di sintesi con le istanze del conciario, che sarà sottoposto dalla Commissione al Consiglio regionale. A monitorare l'andamento del settore, inoltre, sarà un tavolo di lavoro, utile anche per la rinegoziazione dei finanziamenti in essere e l’accesso al credito facilitato.

"Siamo soddisfatti del confronto - hanno detto i rappresentanti del comparto - che si inserisce in un momento di particolare complessità del mercato. Ci auguriamo che l’interesse manifestato da parte delle istituzioni si traduca quanto prima in strumenti concreti a supporto dell’intera filiera della moda toscana. Stiamo già lavorando per definire la migliore sintesi delle misure più urgenti".

"I dati che le imprese hanno riferito sono preoccupanti: si parla di una riduzione di fatturato dal 20 al 50% - ha commentato il consigliere regionale Andrea Pieroni, del Partito Democratico - non possiamo trascurare il grido di dolore del distretto conciario: ci sono circa 500 aziende tra concerie, contoterzisti e indotto che danno lavoro a oltre 5mila addetti e che registra un fatturato di 2,5 miliardi di euro. Vogliamo predisporre un documento, una risoluzione, da portare in Consiglio regionale, che sia di stimolo, di proposta, di indirizzo alla Giunta perché quelle azioni e quelle strategie possano essere attuate immediatamente in maniera adeguata ed efficace".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Traffico paralizzato lungo la Strada di Grande Comunicazione tra Pontedera e Montopoli in direzione Firenze: Vigili del Fuoco al lavoro
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Elezioni

Attualità

Cronaca