Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:SAN MINIATO11°19°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
mercoledì 20 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Scontri a Roma e assalto alla Cgil, Lamorgese contestata alla Camera

Attualità martedì 28 settembre 2021 ore 10:29

Rigenerazione, 8 proposte per il centro storico

16 studenti del Design Campus hanno presentato le loro idee per Castelfranco, ora al vaglio dell’amministrazione comunale



CASTELFRANCO DI SOTTO — Nel Teatro della Compagnia, riaperto dopo quasi un anno di stop dovuto alle normative Covid, 16 studenti dei tre corsi di laurea del Design Campus dell’Università di Firenze hanno presentato i loro progetti per la rigenerazione del centro storico di Castelfranco di Sotto, elaborati nell'ambito del workshop Design Together. Per un’imprenditoria solidale e circolare, organizzato e condotto dal Laboratorio Design per la Sostenibilità (Dida labs) dell’Università di Firenze. 

Il progetto si inserisce nel più ampio percorso avviato col processo partecipativo UPcycling TOgether, botteghe creative e solidali, promosso dal Comune di Castelfranco di Sotto e affidato alla società Avventura Urbana.

A diretto contatto con il territorio e con le sue realtà, i ragazzi hanno sviluppato otto proposte progettuali.  Alcuni provano a ripensare la fruibilità ed attrattività del centro attraverso una serie di interventi di urbanistica tattica e istallazioni artistiche (murales, arredo urbano, ecc.), tenendo sempre ben presenta il coinvolgimento della comunità locale e la promozione dell’intercultura. Altri, riflettendo direttamente sulle nuove identità e culture che caratterizzano il centro storico castelfranchese, provano ad immaginare una serie di eventi volti al recupero e alla valorizzazione di feste tradizionali delle varie nazionalità che vivono in centro, per farli diventare momenti di coinvolgimento e scambio interculturale. Affianco agli eventi vengono proposti anche laboratori e workshop dedicati al supporto scolastico, ai corsi di italiano per stranieri, di lettura, di cucina, ecc.

Vi sono poi progetti che si concentrano direttamente sulla questione riciclo e riuso creativo, immaginando, da una parte, un sistema di filiera del riciclo produttivo di materiali (pelle, stoffa, legno, metalli) da innestare in una rete di nuove botteghe artigiane e di design attraverso il centro storico, e dall’altra, una serie di eventi, iniziative e strumenti interattivi che promuovano il recupero artigianale di materiali di scarto. Altro progetto che fa leva sul riuso e sul design del prodotto, immagina la possibilità di attivare una filiera ecosistemica che, a partire dal recupero delle biciclette, produca una collezione di prodotti legati all’uso della bici, creando un legame con il tema della mobilità sostenibile e della futura ciclopista dell’Arno. Infine, un progetto di ospitalità diffusa per studi temporanei di giovani designer, capace di mettere a sistema l’innovazione con i saperi locali dei laboratori e delle botteghe artigianali.

Alla presentazione hanno partecipato il sindaco Gabriele Toti e gli assessori Federico Grossi e Ilaria Duranti. “Le idee di questi studenti ci offrono un contributo molto prezioso, perché sono in grado di vedere la nostra realtà da un punto di vista completamente nuovo – ha commentato il sindaco -. Tra le proposte presentate, ci sono soluzioni davvero innovative che non comportano nemmeno grandi costi. Sono davvero un ottimo punto di partenza per ripensare il nostro centro storico e portare una ventata di reale rinnovamento”.

“Tutti i progetti – affermano gli assessori Grossi e Duranti - seguono il concetto di una nuova idea di spazio e una nuova visione di borghi come quello di Castelfranco. Concetto che parte da una precisa consapevolezza di quello che oggi è la realtà del centro storico castelfranchese, senza la pretesa che tutto possa tornare com’era un tempo ma partendo da una rielaborazione della storia che ci appartiene come quella delle botteghe tradizionali. Si tratta di una sfida importante, un percorso da portare avanti con il tema degli investimenti per la riqualificazione e che si intreccia al tema dell’immigrazione e della multiculturalità”.

Alcune delle proposte presentate sono al vaglio dell’amministrazione comunale, che sta considerando la possibilità di realizzarle, ricercando possibili finanziamenti.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un video per presentare Montopoli a livello internazionale. "Un biglietto da visita. Ci sono racchiuse le bellezze e le eccellenze del territorio"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità