Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:SAN MINIATO14°29°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
lunedì 23 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Ibrahimovic fa il discorso della vittoria e rovescia il tavolo urlando: «Italia è Milan!»

Attualità martedì 20 giugno 2017 ore 14:41

Casaggì contraria allo Ius Soli

I militanti di destra hanno affisso uno striscione contrario alla legge in discussione in questi giorni in parlamento: "Provvedimento pericolosissimo"



CASTELFRANCO DI SOTTO — I militanti di Casaggì Pisa e Gioventù Nazionale Pisa hanno affisso uno striscione a Castelfranco di Sotto: "No Ius Soli".

"Il riferimento - hanno spiegato - è alla legge sulla cittadinanza discussa al Senato. Un provvedimento che riteniamo pericolosissimo: l'ultimo e definitivo passo verso la sostituzione etnica del nostro popolo. Il declassamento totale della cittadinanza, ormai relegata a pratica burocratica priva di riferimenti e di obblighi. Il diritto di sangue viene sostituito da quello di transito, in ossequio alla ratio liberista e globale dello sradicamento".

Parole durissime dai due gruppi: "È un provvedimento criminale, in linea con il business dell'accoglienza e il traffico di esseri umani legato alla manodopera a basso costo. Un provvedimento che molti paesi hanno abbandonato dopo aver approvato, perché lesivo dell'identità e dell'equilibrio sociale. Lo Ius Soli è il rovescio dell'accoglienza, che deve essere sempre temporanea e connessa alla volontà di un ritorno nel luogo di origine".

"Un provvedimento pericoloso in un tempo di radicalizzazione islamica e di terrorismo - hanno aggiunto - anche perché innesca un meccanismo di sradicamento nel bambino, che deve recidere le proprie radici per diventare "italiano": una situazione simile a quella di molti degli attentatori di questi ultimi due anni, votati all'odio in assenza di riferimenti chiari, nonostante fossero cittadini dei paesi che hanno colpito. Perché un timbro su un pezzo di carta non crea alcuna integrazione e non definisce nessuna appartenenza, come la Francia, il Belgio e l'Inghilterra hanno tristemente dimostrato".

"Questa opera di ingegneria sociale - hanno concluso - rischia di creare una catastrofe e di spingere l'Italia verso conflitti etnici senza precedenti. Cari senatori, avete la responsabilità politica del futuro della nostra Nazione, che avete già contribuito a mettere in ginocchio: non datele il colpo alla nuca. No Ius Soli: la nostra nazione è sangue e suolo".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Le nuove positività sono distribuite tra tutti i 6 comuni del Comprensorio. In provincia di Pisa 122 nuovi contagi e un decesso riconducibile al virus
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Attualità