Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:SAN MINIATO10°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
mercoledì 01 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Caso Cospito, Donzelli (FdI): «La sinistra sta con lo Stato o con terroristi?». E in Aula scoppia il caos

Cronaca mercoledì 15 gennaio 2014 ore 14:43

Cassa integrazione a livelli record: +30,1% in provincia di Pisa

Preoccupante il dato complessivo delle ore di cassa integrazione in Toscana per il 2013



PROVINCIA — Con 55.599.716 ore nel 2013 contro le 53.851.323 del 2012 (+3,2%) si stabilisce il record di sempre per la cassa.

"Assistiamo con preoccupazione ad un aumento consistente (+22,1%) della cassa integrazione straordinaria con un totale di 27.135.910 ormai quasi il 50% del totale delle ore impegnate a dimostrazione della persistenza di tante crisi strutturali irrisolte - scrive in una nota la Cgil Toscana -. A livello provinciale i risultati peggiori per Pisa (+30,1%) Siena (+28,04%) Firenze (+12,35%) mentre tra i settori restano stabili sui livelli 2012 i comparti industriali mentre continua la crescita nel commercio e turismo ( + 6,1%) e a 2 cifre in edilizia (+ 14,4%)".

Secondo Daniele Quiriconi della segreteria regionale Cgil Toscana, “i dati complessivi del 2013 ci consegnano una situazione di crisi persistente, con qualche attenuazione nell’industria ma con andamenti difformi anche tra province, non di rado collegati all’andamento del ciclo negli anni precedenti. In altre parole in molti casi, la cassa cala perché sono sparite decine di imprese".

"In attesa delle tanto annunciate proposte di riforma - prosegue Quiriconi -, da quelle avanzate dal ministro Giovannini che (puntando al superamento della deroga) aprirebbero la strada a migliaia di licenziamenti, al 'Job Act' di Renzi, resta un‘emergenza da governare e una domanda aggregata da far ripartire per rilanciare la crescita".

E conclude: "Nella consapevolezza che non sono nuove regole a far ripartire l’occupazione è bene però essere consapevoli della dura realtà dei fatti: superare o ridurre alcuni istituti porterà più disoccupazione, più sussidi di disoccupazione da pagare e più disperazione sociale”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel bollettino di oggi, martedì 31 Gennaio, sono riportati 390 nuovi casi in tutta la Toscana, dove nelle scorse 24 ore non si registrano decessi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Cronaca