Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:50 METEO:SAN MINIATO21°36°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
mercoledì 06 luglio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Rocco Morabito, chi è l'ambasciatore «nobile» della ‘ndrangheta

Attualità mercoledì 20 agosto 2014 ore 16:30

Asl 11, progetti per anziani, disabili e minori

Incontro il 5 settembre con l'Unione dei Comuni dell'Empolese e la Sds del Valdarno Inferiore per dettagli e informazioni



COMPRENSORIO — Si tratta di un progetto promosso dalla Asl 11, al fine di sperimentare percorsi assistenziali rivolti ad anziani, disabili e minori in base alla delibera emessa dalla Regione Toscana n.594 del 21 luglio 2014. Il progetto sperimentale coinvolge ovviamente l'Unione dei Comuni Circondario dell’Empolese Valdelsa e la Società della Salute del Valdarno Inferiore. Il termine per presentare le sperimentazioni scadrà il prossimo 18 ottobre.

Tutti i soggetti del territorio interessati al progetto sono invitati a partecipare all’incontro che si svolgerà il 5 settembre prossimo, alle ore 15, nel Centro direzionale dell’Asl 11, in via dei Cappuccini n. 79 a Empoli (sala 10 – II piano), in cui verranno illustrate le finalità dell’avviso e si potranno anche raccogliere le prime proposte provenienti dal territorio.

Le sperimentazioni che riguarderanno gli anziani dovranno essere di due tipologie:
- posti letto in regime di Bassa Intensità Assistenziale (BIA) all'interno delle strutture residenziali esistenti;
- percorsi tutelari per anziani fragili (progetti di residenzialità che permettano la vita autonoma);

Le sperimentazioni dirette ai disabili riguarderanno la realizzazione di servizi residenziali comunitari di tipo domestico per disabili adulti collocabili nella fase del cosiddetto “Dopo di noi” e “Durante noi”.

Le sperimentazioni per i minori dovranno essere dirette a realizzare strutture per l'accoglienza di ragazzi italiani e stranieri tra i 16 e i 18 anni (e fino a 21), impossibilitati a vivere nel proprio nucleo familiare e per i quali si è concluso il percorso di prima accoglienza e di più forte tutela e protezione. I progetti di intervento saranno, quindi, caratterizzati da forme di supporto educativo orientate a realizzare le condizioni per l'autonomia di vita e la costruzione della rete relazionale del ragazzo.

Le proposte di sperimentazione saranno oggetto di una formulazione progettuale condivisa fra Asl 11 e Unione dei Comuni Circondario dell’Empolese Valdelsa per quanto riguarda il territorio dei comuni dell’Empolese Valdelsa e tra Asl 11 e Società della Salute Valdarno Inferiore per quanto riguarda il territorio dei comuni del Valdarno Inferiore, anche su proposta degli operatori del sistema sociale e sanitario coinvolti, delle organizzazioni sindacali, dei soggetti del terzo settore e dei gestori privati e pubblici.

La durata di ciascuna sperimentazione non dovrà essere superiore a 1 anno a partire dalla data di pubblicazione della delibera di approvazione. Per ulteriori informazioni è possibile consultare la news sulla home page del sito www.usl11.toscana.it o www.sdsvaldarnoinferiore.gov.it.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I contagi da Covid tornano sopra quota 100 nel bollettino di oggi, martedì 5 Luglio. Aumenti considerevoli anche nelle Province di Pisa e Firenze
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Ciro Vestita

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità