Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:15 METEO:SAN MINIATO13°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
sabato 10 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Principe Filippo, colpi a salve di cannone in tutto il Regno Unito

Attualità mercoledì 27 maggio 2015 ore 16:40

Al via il progetto "Aggiungi un pasto a tavola"

Distribuire pasti ai più bisognosi utilizzando il cibo non distribuito alla mensa scolastica. Iniziativa dei volontari del Comitato di solidarietà



SANTA MARIA A MONTE — La data di inizio è stabilita il 4 giugno. Ed è già stato stilato un calendario con l’indicazione di chi provvederà a prelevare i pasti dalla mensa e a trasportarli ai destinatari stabiliti per i prossimi due mesi.

Inizia così la fase sperimentale del progetto “Aggiungi un pAsto a tavola”.

“Distribuire pasti ai più bisognosi utilizzando il cibo non distribuito alla mensa scolastica, è stato uno dei primi obiettivi che si è posto il Comitato di solidarietà fin dai suoi primi incontri. Sicuramente un modo per limitare gli sprechi ma anche e soprattutto per porgere una mano nei confronti delle molte famiglie in difficoltà della comunità - dichiara Nicla Bernardeschi, consigliere comunale delegata alla solidarietà e presidente del Comitato Solidarietà -. Ora ci siamo. Superati gli ostacoli di tipo tecnico e organizzativo, finalmente possiamo partire”.

Le associazioni, le Misericordie e i vari gruppi che fanno parte del Comitato di solidarietà, per mezzo dei loro volontari, sono pronti a dare il loro contributo per portare avanti questo progetto ambizioso: provvedere a recapitare a domicilio ad una parte delle persone sole o a famiglie con minori, individuate dal servizio sociale, i pasti “avanzati” della mensa scolastica.

“Si tratta di un gesto con cui cerchiamo di aiutare chi ha bisogno – riprende Bernardeschi –. I pasti, naturalmente, sono tutti integri e sono quelli che non sono stati distribuiti dai bambini e ragazzi delle scuole”.

“Come assessorato alle Politiche scolastiche e sociali, sposiamo a pieno questa lodevole iniziativa. Del resto, si sottolinea la completa collaborazione da parte degli uffici comunali nella realizzazione e condivisione di questo progetto che in concreto aiuta, da una parte, chi riversa in condizioni di reale necessità e, dall'altra, utilizza gli alimenti non consumati della mensa scolastica perseguendo un fine non solo caritatevole ma anche di ottimizzazione dei pasti delle mense”, commenta la vice sindaco e assessore Manuela Del Grande.

“L'amministrazione comunale condivide a pieno questo progetto che è reso possibile dal comitato solidarietà, che è sempre più una rete costruita dall'associazionismo, e dal supporto dei servizi comunali. In un momento come quello di oggi dove le persone in difficoltà aumentano è ancora più importante che questo progetto, pur nel suo piccolo, possa portare un aiuto concreto e, ancora più significativo, è che lo facciano le associazioni del territorio che ringraziamo per la loro disponibilità” aggiunge il sindaco Ilaria Parrella.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'uomo, di origini napoletane, era molto conosciuto nel comprensorio del cuoio dove viveva, e in Valdera. Aveva un'attività a Peccioli
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Politica

Attualità