QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SAN MINIATO
Oggi 2° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
sabato 14 dicembre 2019

Attualità martedì 03 dicembre 2019 ore 06:30

Poste regala etichette per citofoni e cassette

L'iniziativa di Poste Italiane nei comuni di Pisa, Ponsacco, Santa croce sull’Arno, Fauglia, Orciano Pisano, Palaia, Peccioli e Terricciola



PISA — L'iniziativa di Poste Italiane “Etichetta la cassetta” è stata avviata in provincia di Pisa interessando otto comuni: Pisa, Ponsacco, Santa croce sull’Arno, Fauglia, Orciano Pisano, Palaia, Peccioli e Terricciola.

I cittadini con cassetta “anonima” stanno ricevendo, in queste settimane, una comunicazione da parte dell’Azienda che li invita ad apporre le etichette con il proprio nome e cognome sulle cassette domiciliari e sul citofono condominiale. Le etichette da utilizzare, a strappo e adesive, sono state incluse gratuitamente nella lettera di avviso.

Tutto questo perché può avvenire che, osservano da Poste Italiane, "nonostante l’efficienza del servizio di smistamento della corrispondenza, la consegna finale sia resa oggettivamente impossibile da un piccolo elemento, all’apparenza poco significativo, ma determinante: l’assenza del nome e cognome dei cittadini sul citofono o nella cassetta delle lettere, il che non permette la corretta identificazione del destinatario della corrispondenza".

Con le etichette i destinatari potranno farsi identificare e rendere così più agevole il lavoro quotidiano del portalettere. E per Poste il risparmio di tempo si traduce in risparmio di denaro.

Non è tutto. Attraverso il progetto “Etichetta la cassetta”, i cittadini sono invitati anche a comunicare l’indirizzo aggiornato ai propri mittenti abituali, in particolare i fornitori delle utenze, altro elemento che spesso complica il servizio di recapito. Inoltre l’Azienda ha avviato un percorso di collaborazione con le istituzioni locali in ottica di una reciproca e positiva condivisione per intervenire sulla toponomastica, perché la corretta esposizione delle vie e dei numeri civici contribuisce a rendere efficace il servizio, soprattutto nei territori periferici e considerato che i portalettere cambiano spesso zona.



Tag

Piazza Fontana, il giornalista del Corriere che era nella banca: «Mi salvò un caffè»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Cronaca