Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:SAN MINIATO16°20°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
domenica 25 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Mattarella tra i primi al seggio a Palermo a votare per le elezioni

Attualità venerdì 16 settembre 2022 ore 15:30

Semestrale di BpLaj, "Siamo banca di prossimità"

Da sinistra: Lari, Ciabatti, Salvadori e Chellini

Presentati i dati di metà 2022 con il lancio di una iniziativa per sostenere famiglie e imprese contro il caro bollette: "Ritrovare la cooperazione"



LAJATICO — Il concetto espresso più volte è unico: banca del territorio. In tutte le sue declinazioni: di prossimità, di vicinato, di comunità. Perché su questo la Banca popolare di Lajatico ha deciso di muoversi anche nei prossimi mesi, riscoprendo il proprio passato e adeguandosi alla congiuntura che non sorride tanto alle imprese, quanto alle famiglie.

E l'occasione per riconfermare il proprio impegno arriva con la presentazione della semestrale, ovvero i dati e l'andamento economico della prima metà del 2022. "Questa è stata una semestrale favorevole, nonostante il periodo negativo - ha esordito il presidente Nicola Luigi Giorgi - l'utile netto si avvicina a 2,5 milioni di euro, grazie anche al fatto che quel dramma sul credito che ci aspettiamo ormai da due anni, per il momento, non si è verificato. Gli scenari prospettati, insomma, non hanno trovato conferma".

"Quella che viviamo è una vera e propria tempesta perfetta, tra la coda della pandemia, che può creare problemi sul credito, e la guerra in Ucraina, che ha scatenato l'aumento dei costi dell'energia e delle materie prime, oltre agli aumenti dei tassi e dell'inflazione - ha aggiunto Daniele Salvadori, amministratore delegato di BpLaj - con la caduta del Governo, poi, si è aggiunta ulteriore instabilità".

Un momento della presentazione della semestrale

Tutto ciò ha così contribuito a rendere complicata la vita anche degli investitori. "Anche per i risparmiatori con fondi relativamente molto sicuri hanno perso approssimativamente tra il 6 e il 10% - ha commentato Barbara Ciabatti, vicedirettrice generale della Banca - l'esempio più lampante è quello dei titoli di Stato".

"Nell'ambito degli impieghi alla clientela - ha puntualizzato Gianpiero Lari, vicedirettore generale - considerando che nei primi 6 mesi sono stati rimborsati circa 34 milioni di finanziamenti in scadenza, la produzione di nuovi impieghi ha sostanzialmente raggiunto un importo analogo a quello dei rimborsi".

E in un momento così complicato, all'interno della Banca di Lajatico si è riscoperto anche il passato, che ha portato i vertici a ragionare sui corsi e ricorsi storici del presente. "Recentemente abbiamo ritrovato un manifesto del 1897 del nostro istituto, che fa capire lo spirito con cui sono nate le banche come la nostra e che noi cerchiamo di conservare - ha detto Salvadori - se in passato la crisi riguardava l'infestazione delle viti, oggi la crisi sono le bollette, perché riguardano direttamente imprese e famiglie".

Una copia del manifesto del 1897

Il riferimento, infatti, è a un manifesto di oltre 100 anni fa con cui la Banca popolare di Lajatico offriva ai propri soci l'acquisto di zolfo e macchine insetticide a prezzo di ingrosso per contrastare l'infestazione che stava danneggiando il raccolto dell'epoca.

"Abbiamo studiato un aiuto verso i soci della banca con delle condizioni agevolate e con spirito mutualistico - ha aggiunto Salvadori - paradossalmente, stiamo rivivendo un periodo molto simile a quello durante il quale nacquero le banche come la nostra. Il problema più grande, infatti, è quello delle microimprese, che gradualmente non riusciranno più a trovare credito, ignorate dai grandi sistemi bancari. Noi, al contrario, vogliamo provare a svolgere questo ruolo".

Per questo, sono previste delle agevolazioni per le famiglie nell'ambito del pagamento delle bollette di luce e gas. "Il manifesto ci riporta al cooperativismo e alla socialità all'interno delle quali opera una banca del territorio. La nostra zona al 95% è fatta di piccoli imprenditori ed è nostro dovere è quello di ascoltare i problemi dell'imprenditore - ha specificato Lari - oggi, come nel 1897, la banca interviene per i soci finanziando le famiglie per i problemi causati dal caro bollette: è previsto infatti un finanziamento fino a 3mila euro con tasso zero e interessi zero, da restituire in 6 mesi".

Un momento della presentazione della semestrale

Allo stesso tempo, sono previste agevolazioni per le imprese. "Le aziende socie, che possono essere attività di qualunque tipo, hanno a disposizione un prodotto più flessibile rispetto a quello delle famiglie - ha concluso la direttrice commerciale Catiuscia Chellini - Sper questo abbiamo stanziato un plafond di 5 milioni di euro che possono essere usati come rimborso rateale fino a 18 mesi e con un importo massimo di 100mila euro per rateizzare luce e gas, con costo zero per andare incontro all'azienda e continuare l'attività".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ecco l'elenco dei prezzi del carburante in provincia di Pisa. Comune per comune gli impianti più economici dove fare rifornimento.
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Cronaca

Attualità

Attualità