Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:15 METEO:SAN MINIATO9°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
venerdì 21 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Russia, le immagini delle nuove esercitazioni militari con i missili Kalibr

Politica venerdì 05 settembre 2014 ore 16:53

Urbanistica: "Un regolamento ad hoc per i privati"

La denuncia di Immagina San Miniato, sul nuovo regolamento. Cavallini: "Gli interventi devono essere fatti nel bene della collettività"



SAN MINIATO — E' un percorso chiaro e conciso quello che Laura Cavallini ha presentato questa mattina durante la conferenza stampa svoltasi nella sede di Immagina San Miniato a Ponte a Egola. Al centro dell'incontro il nuovo regolamento urbanistico e  le varianti approvate dall'amministrazione comunale. 

L'incontro che doveva inizialmente svolgersi presso la sala adibita ai singoli gruppi consiliari, diritto peraltro negato dalla giunta, è servito a rendere pubbliche le osservazioni di Immagina San Miniato in merito alla questione sopracitata. 

"La vecchia amministrazione - dice Laura Cavallini - lamentava alcune lacune del vecchio ordinamento urbanistico con la promessa che il nuovo avrebbe sopperito a queste considerazioni, ma ad oggi questo non sembra ed è per questo che siamo la prima forza politica dell'opposizione a fare delle osservazioni". 

Quattro sono i punti affrontati dalla consigliera, completi di proposte di modifica con l'obiettivo di riqualificare aree abbandonate già esistenti e valorizzare il territorio.

Per il centro storico è prevista la riqualificazione di Piazza del Popolo, "è una soluzione che risponde solo all'esigenze di alcuni privati - dice la consigliera Cavallini - non è il modo giusto per rilanciare il turismo e il centro". 

Nel regolamento è previsto anche un allargamento dell'area commerciale di San Miniato Basso, nei terreni vicini alla Coop."Oltre ad aumentare l'occupazione di nuovo suolo pubblico - dice la Cavallini - andiamo ad intaccare le attività commerciali dei piccoli negozi". Immagina San Miniato propone invece di investire sulle strutture già esistenti soprattutto nella zona di Ponte a Egola e San Miniato Basso per favorire uno sviluppo economico più armonioso e un minor inquinamento ambientale. 

Ultimo punto affrontato e non meno importante è la questione dell'ex Icla, un'azienda di Ponte a Egola di prodotti chimici ferma dal 2012, il cui capannone è oggi occupato da un’altra ditta, la M3, legata alla produzione di espansi poliuretani flessibili. "Era stata prevista la messa in sicurezza dell'area - continua la Cavallini - ma l'amministrazione non ha ancora comunicato né i tempi né i tempi né i modi". 

"Il futuro di San Miniato, che è una città piena di eccellenze e risorse, deve essere pianificato nell'interesse della collettività e - conclude Laura Cavallini - ci impegneremo in consiglio comunale affinché certi principi siano rispettati".  


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il dettaglio Comune per Comune sulle positività registrate nelle ultime 24 ore. Tra ieri e oggi, in Toscana sono 13.720 i nuovi casi Covid
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità