Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:06 METEO:SAN MINIATO9°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
lunedì 28 novembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Migranti: 10 anni di errori, ipocrisie, propaganda e il falso problema delle Ong

Sport domenica 14 maggio 2017 ore 15:42

Il centrale dell'Italvolley che adora il tennis

Simone Buti

Simone Buti, pallavolista fucecchiese della nazionale, ha fatto visita agli internazionali juniores a Santa Croce



SANTA CROCE — “Sono uno sportivo a tutto tondo, e mi piace molto il tennis. Quando ho la possibilità scendo sulla terra rossa, spesso gioco contro mio fratello Valerio. Lui è più tecnico, io con il mio fisico copro bene a rete. In questo, i movimenti del volley mi aiutano molto”. Schietto e sorridente, il 33enne Simone Buti di Fucecchio (argento con l’Italia del volley ai Giochi di Rio 2016) ha fatto visita ai talenti del tennis impegnati fino a sabato prossimo nei 39esimi Internazionali juniores di Santa Croce sull’Arno, uno dei più importanti tornei giovanili di categoria (sono passati da qui 12 futuri n.1 al mondo ATP e WTA, tra questi anche lo scozzese Andy Murray).

“Sto sfruttando questi ultimi giorni di vacanza per rilassarmi – ha detto Buti – e ho voluto assistere a questa storica manifestazione giovanile che si disputa vicino alla mia Fucecchio. Purtroppo non potrò gustarmi gli Internazionali di Roma, perché da domani sarò impegnato nel collegiale con la Nazionale. Il mio tennista preferito? Tra gli italiani, dico Fognini. Il 'Fogna' è quello che mi emoziona di più, ha un carattere esuberante, non sai mai cosa aspettarti da lui, è un gran bel personaggio. In generale, dico invece Federer, per il suo talento e per il modo di stare in campo. Roger non sarà a Roma, e quindi penso che Nadal possa aspirare alla vittoria, anche in considerazione dell'ottimo stato di forma”.

Dal volley al tennis, e ritorno. Il discorso scivola sul futuro pallavolistico di Simone Buti, che dopo la finalissima di Champions League CEV con la Despar Perugia, ha deciso di lasciare il club umbro. “Le voci di un mio trasferimento a Monza? Tra breve sapremo”, sorride Buti, che ritorna alla medaglia d’argento di Rio conquistata con l’Italia. “Per l’emozione che ci ha regalato, la partita con gli Stati Uniti è stata come una finale – ricorda il ‘centrale’ toscano – A quel punto, l’impresa di conquistare l’oro era fattibilissima, se avessimo giocato all’80% ce l’avremmo fatta. Avevamo una ghiotta occasione. Comunque vedo un’Italia in crescita, con giovani interessanti, su tutti Simone Giannelli che ha solo 20 anni ed è fortissimo. Se lavoreremo bene in questo quadriennio olimpico, a Tokyo 2020 potremo aspirare all’impresa che non è mai riuscita alla pallavolo italiana”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Dal bollettino regionale i dati aggiornati alle ultime 24 ore. In Toscana sono state accertate oltre 1500 nuove positività
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità