Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:10 METEO:SAN MINIATO12°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
domenica 07 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Orietta Berti: «Ho sentito tanti stonare, credono che cantare sia facile»

Sport martedì 23 agosto 2016 ore 13:30

Un paese in festa per il campione olimpico

Simone Buti

Il 3 settembre la Pro Loco di Torre vuol salutare il pallavolista d'argento Simone Buti. Sul web è polemica per la coincidenza con un'altra festa



FUCECCHIO — "Oggi dopo tanti anni di sacrifici anche io posso affermare che i sogni si possono realizzare, io l'ho realizzato e questa medaglia me lo ricorderà per sempre, mi ricorderà sempre questo mese bellissimo, emozionante, di lacrime dolci e amare, mi ricorderà un gruppo di amici che presosi per per mano ha fatto innamorare della pallavolo e sognare tutta Italia. Siamo andati a un passo da conquistare l'Olimpo, ma poco importa, le emozioni che abbiamo provato e fatto provare sono la nostra vittoria! Vorrei ringraziare tutte le persone che mi hanno scritto in questo mese, mi spiace non essere riuscito a rispondere a tutti, ma ho apprezzato ogni singolo messaggio! Si chiude questa pagina, è stata una pagina bellissima". Così, di ritorno da Rio, il pallavolista azzurro originario di Fucecchio Simone Buti commenta l'esperienza delle olimpiadi, l'argento della finale e ringrazia tutti quelli che l'hanno sostenuto, compresi i compaesani che ora non attendono altro che ritorni per poterlo festeggiare.

La Pro Loco di Torre avrebbe già la data: 3 settembre. Ma sul web è scoppiata un po' di polemica per la coincidenza con la Salamarzana, la festa che viene organizzata ogni anno nella parte alta di Fucecchio.

Sul caso è intervenuto anche il sindaco Alessio Spinelli che ha proposto di fare entrambe le feste, una più intima e una più in grande, magari invitando altri campioni olimpici di origini fucecchiesi come Alessandro Lambruschini (bronzo nei 3000 siepi ad Atlanta 1996) e Marco Bracci (argento sempre ad Atlanta).

La decisione finale, probabilmente, toccherà al centrale della nazionale di volley. Al paese, che a seguito passo passo il percorso olimpico degli azzurri, resta la gioia di quel muro decisivo al tie-brak contro gli Usa e l'orgoglio, che vale più dell'argento, di avere a Fucecchio un altro campione.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

CORONAVIRUS