Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:SAN MINIATO14°18°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
sabato 01 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
La drammatica battaglia per l'acciaieria Azovstal di Mariupol vista con gli occhi del soldato-cameraman: le immagini

Attualità martedì 04 ottobre 2016 ore 18:00

"Sembra di essere in guerra"

Al centro la geologa Salvadori

Il racconto della geologa comunale Monica Salvadori inviata ad Amatrice con la Colonna Mobile Regionale: "Si gira per le strade di un paese fantasma"



SAN MINIATO — "Sembra di essere in guerra. Tutto è distrutto e si gira per le strade di un paese fantasma". Queste le parole usate dalla geologa comunale Monica Salvadori che dal 25 al 29 settembre scorsi è stata selezionata dalla Regione Toscana per partire alla volta di Amatrice con la Colonna Mobile Regionale.

"Non è stato facile dormire in tenda a 4 o 5 gradi - ha raccontato la scienziata di 46 anni -, girare per le strade di paesi fantasma dove gli unici a camminare nella ‘zona rossa’ sono militari, squadre di volontari e gruppi di tecnici rilevatori. Ma non dimenticherò mai i racconti delle persone che ho incontrato, le loro storie, mi hanno regalato un’esperienza incredibile".

"La mia destinazione è stata Il Poggio in località Cornillo Nuovo, una frazione a 1140 metri, in uno dei due campi di accoglienza nel comune di Amatrice, a circa 4 chilometri dal capoluogo - ha aggiunto Salvadori -. Il compito della mia squadra di Protezione Civile (composta da tre funzionari regionali e quattro degli enti pubblici locali) era quello di gestire la dismissione dei due campi dove attualmente si trovano 21 e 14 ospiti, alloggiati insieme ai volontari".

Le rigide temperature invernali impongono di accelerare i tempi per la liberazione dei campi sui quali, in circa sei mesi, molto probabilmente verranno allestite le case in legno. "Hanno ancora un mese al massimo per continuare a dormire in tenda, poi il freddo costringerà a soluzioni alternative - ha spiegato -. Alcuni di loro hanno case agibili, ma la paura di tornare a dormire in quelle abitazioni è talmente tanta che si preferisce stare in tenda o essere ricollocati in alberghi o a casa di parenti, per chi ne ha la possibilità; mentre altri addirittura non hanno un posto dove andare".

Camminando per le strade lo scenario è apocalittico: case crollate su se stesse, sassi, pezzi di legno, mobilia, indumenti, tutto mischiato, "gli unici a passare in mezzo a queste macerie gli sono uomini delle forze dell’ordine e i volontari, sembra che ci sia stata una guerra", ha commentato la geologa.

Grazie all’impegno di queste persone, però, molto è già stato fatto. "E’ sbalorditivo - ha aggiunto Salvadori - vedere come, in appena un mese, siano state ripristinate le strade di collegamento alle varie frazioni sparse per queste montagne, grazie all’opera della Protezione Civile Nazionale e all’impegno dell’Esercito. La parte più consistente dell’intervento riguarda essenzialmente la ricostruzione delle abitazioni: squadre di tecnici sono al lavoro per verificare casa per casa lo stato di salute degli edifici".

Oltre alla parte operativa, l’esperienza umana di questi giorni è quella che ha veramente fatto la differenza. "Mi ha colpito la riconoscenza con la quale queste persone affrontano la situazione – ha spiegato ancora la Salvadori -. Un giorno ci siamo accorti che alcuni contadini di Amatrice dovevano fare la raccolta delle patate ma avevano timore a chiederci un aiuto, così le squadre di volontari hanno deciso di dargli una mano: non solo abbiamo raccolto tutte le patate dei campi, ma addirittura ce ne hanno donate un po’ perché potessimo mangiarle tutti insieme al campo – e ha concluso -. Più di tutto, porterò con me da questa esperienza l’esempio di straordinaria dignità dei circa trenta residenti della piccola frazione di Cornicchia: hanno perso tutto e per andare avanti hanno capito che l’unica soluzione è quella di collaborare. Così hanno costruito una specie di baita in legno, grazie alle offerte, e hanno deciso di sistemarsi tutti lì dentro: mangiano insieme, dormono in roulotte e camper donati e condividono le loro giornate ricostruendo pezzo a pezzo la loro vita. Tra qualche mese ho promesso di tornare a trovarli, con alcuni di loro siamo diventati amici e non dimenticherò tutto quello che ho imparato in questi giorni insieme: stavolta non era un’esercitazione, qui s’impara veramente che cosa vuol dire perdere tutto e ricostruire da capo".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel bollettino di oggi, venerdì 30 Settembre, sono stati riportati oltre 9mila tamponi processati. In Provincia di Firenze oltre 440 nuovi contagi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità