Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:SAN MINIATO19°33°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
giovedì 20 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Brucia la collina dei Camaldoli, paura a Napoli
Brucia la collina dei Camaldoli, paura a Napoli

Attualità venerdì 16 marzo 2018 ore 08:00

Musei Civici, un 2017 in crescita di presenze

Registrato un +2,4 per cento, con la Rocca fra i luoghi più visitati. Gabbanini e Rossi: "Premiate scelte del Comune e sinergia con enti e aziende"



SAN MINIATO — L'anno 2017 fa (di nuovo) registrare il segno positivo per quanto riguarda il numero di presenze nei Musei Civici di San Miniato.

Il Palazzo Comunale, la Rocca di Federico II, l'Area Archeologica di San Genesio e il Museo della Scrittura hanno registrato un +2,4%, come hanno illustrato questa mattina il sindaco Vittorio Gabbanini, l'assessore Chiara Rossi, il direttore dei Musei Andrea Vanni Desideri e le rappresentanti della Cooperativa La pietra d'angolo Monica Matteoli e Barbara Pasqualetti.

“Questo dato premia le scelte compiute da questa amministrazione – spiegano il sindaco e l'assessore Rossi -. L'anno 2017 lo abbiamo dedicato ai Musei, investendo risorse proprie e creando importantissime sinergie con aziende e le altre realtà del tessuto economico del nostro territorio. Questo ha permesso di realizzare alcune iniziative aperte a tutti e a titolo gratuito, che hanno fatto conoscere i nostri Musei e hanno dato visibilità ad un patrimonio che ancora è poco conosciuto, e anche di dare il via ad un'importante opera di restauro che interessa l'Oratorio del Loretino”.

Nel 2017 è stato superato (per la prima volta) il muro delle 20mila presenze complessive, con quasi 12mila persone soltanto alla Rocca, da sempre il monumento più visitato di San Miniato, e che si conferma tale, mentre cresce in maniera consistente la presenza all'Area Archeologica di San Genesio (dove si svolgono in larga maggioranza attività all'aria aperta) e al Museo della Scrittura, dove l'attività più importante viene svolta con le scuole. Nell'anno appena passato si è conclusa anche la prima fase dei lavori di restauro che hanno riguardato l'Oratorio del Loretino, finanziati dalla Fondazione CRSM, che hanno interessato in particolare la lunetta, il portale, il portone, l'allestimento di un totem multimediale e la disinfestazione dell'altare, mentre nel 2018 si aprirà la seconda fase per la quale sono previsti un intervento di razionalizzazione dell’impianto elettrico, il progetto illuminotecnico, il restauro dei serramenti interni e delle mostre in pietra serena, del pavimento del presbiterio, la pulitura e la revisione dell’altare e della tavola raffigurante San Miniato.

Dal 2017 i Musei Civici si sono arricchiti di un altro importante tassello: la Casa Lotti. “A dicembre è stata costituita la Fondazione ma l'attività nella casa di via Maioli era già iniziata – spiegano ancora i due amministratori -. I cicli di visite guidate messi in campo nel 2017 hanno riscosso un successo che ci ha confermato l'importanza di aver acquisito nel patrimonio comunale un luogo così importante per la cultura della nostra Città. Adesso abbiamo un cda e nel 2018 contiamo di avere un programma di iniziative che abbracci tutto l'anno per dare il giusto valore a questo spazio e ampliare l'offerta culturale per la nostra comunità”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Naufragata la possibile alleanza: per la lista non sono state date garanzie sulla questione delle bibliotecarie e l'area logistica di San Donato
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Attualità

Politica