QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SAN MINIATO
Oggi 18°35° 
Domani 19°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
domenica 25 agosto 2019

Attualità mercoledì 14 gennaio 2015 ore 12:35

​Rio Vallebuia, lavori per la messa in sicurezza

Il sindaco Spinelli: “In arrivo il finanziamento regionale per la progettazione della cassa di laminazione”



FUCECCHIO — Gli operai del Comune di Fucecchio sono impegnati in questi giorni in un intervento di ricavatura delle fosse nella zona del Rio Vallebuia, nella frazione di Botteghe, per ridurre il rischio di nuovi allagamenti come quelli verificatisi in passato. L’ultimo, fortunatamente non grave come i precedenti, risale al 27 dicembre scorso quando le acque provenienti dalle colline non riuscendo a defluire invasero la sede stradale.

Ma la notizia più attesa arriva da Firenze. E’ il sindaco Alessio Spinelli ad annunciarla. “Finalmente – spiega il primo cittadino – è in arrivo il finanziamento per lo studio di fattibilità e la progettazione della cassa di laminazione che metterà in sicurezza l’intera zona”.

Il progetto dovrebbe essere compreso nel documento annuale per la difesa del suolo 2015 in approvazione in questi giorni. Il sindaco, che in questi giorni si è messo più volte in contatto con gli uffici regionali, si è mostrato molto ottimista.

“L’intervento – ha commentato Spinelli – è considerato prioritario anche dall’Autorità di Bacino dell’Arno e questo ci dovrebbe mettere al riparo da eventuali sorprese. L’inserimento dell’opera nel documento regionale per la difesa del suolo, di fatto, sbloccherà l’intero iter dandoci così la possibilità di ipotizzare la realizzazione dell’invaso già nel 2016. E’ un’opera assolutamente necessaria; io stesso mi sono fatto portavoce del disagio e del timore delle famiglie che vivono a Botteghe e che ogni inverno temono l’esondazione del Rio. Purtroppo la legge 79 del 2012, che limita alle sole manutenzioni ordinarie le opere che possono essere realizzate in autonomia dai consorzi di bonifica, ha rallentato le procedure. E’ stato necessario attendere il benestare della Regione e il relativo cofinanziamento. Adesso, con l’acquisto del terreno su cui dovrà nascere la cassa di laminazione e con la sottoscrizione del protocollo di intesa tra Comune e Consorzio di Bonifica del Basso Valdarno, nel quale è confluito il Consorzio di Bonifica del Padule di Fucecchio, i tasselli sono tutti a posto. Nel corso del 2015 sarà progettata l’opera e successivamente si passerà alla realizzazione. In attesa di questo importante intervento il Comune e il Consorzio cercheranno di effettuare tutte quelle operazioni di pulitura dei fossi che comunque possono ridurre il rischio di allagamenti”.

Fonte: Comune di Fucecchio - Ufficio Stampa



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Politica

Cronaca