Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:15 METEO:SAN MINIATO13°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
sabato 10 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Principe Filippo, colpi a salve di cannone in tutto il Regno Unito

Attualità mercoledì 15 gennaio 2020 ore 17:50

Concia, trattativa per rinnovo contratto nazionale

Trattativa al via nelle sede di Unic Concerie Italiane, unica rappresentanza imprenditoriale. Al tavolo i sindacati di settore di Cgil, Cisl e Uil



MILANO — Si è svolta oggi, nella sede milanese di Unic Concerie Italiane, la riunione di apertura del tavolo negoziale per il rinnovo del contratto collettivo nazionale per i lavoratori dipendenti delle aziende conciarie, scaduto il 31 ottobre scorso. Presenti Unic, unica rappresentanza imprenditoriale, e le organizzazioni sindacali Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil.

L’industria conciaria italiana è composta da 1.200 imprese, principalmente Pmi a carattere familiare localizzate in quattro regioni (Veneto, Toscana, Campania, Lombardia), e oltre 17 mila addetti. Il fatturato annuale è di circa 4,5 miliardi di euro.

"Le Organizzazioni Sindacali - hanno riferito da Unic - hanno illustrato la loro piattaforma congiunta dalla quale emergono, oltre alle richieste di aumento salariale, esigenze quali il potenziamento degli osservatori nazionale e distrettuali, l’avvio dell’assistenza sanitaria e trattamenti di miglior favore in tema di congedi, permessi, malattia, orario di lavoro. Unic ha descritto il difficile quadro economico attuale del settore, con cali di produzione annuale a doppia cifra sia in Italia che a livello mondiale, sottolineando come da questa situazione di crisi non si può prescindere nel rinnovo del Ccnl".

"La concorrenza da parte di prodotti alternativi è agguerrita e, sempre più spesso, favorita da pratiche commerciali sleali - ricordano da Unic -, quali definizioni ingannevoli e falsi claim di sostenibilità. L’ondata di ingiustificati attacchi delatori nei confronti della pelle sta determinando un progressivo effetto di “demonizzazione” del materiale con conseguente sostituzione con prodotti sintetici derivati del petrolio (quindi fonti non rinnovabili e altamente impattanti). Nonostante il quadro negativo, l’industria conciaria italiana è riuscita a mantenere la propria storica leadership internazionale, fondata sull’impegno etico, sociale e ambientale, sulla qualità di prodotto e sull’innovazione tecnologica e stilistica. L’impegno per minimizzare l’impatto ambientale, garantire salute e sicurezza a lavoratori e consumatori, assicurare un approccio etico nel prodotto è documentato dall’ampia diffusione delle certificazioni (oltre il 50% del fatturato settoriale arriva da aziende certificate) e dai risultati dei Report di Sostenibilità che UNIC elabora da 17 anni in un’ottica di totale trasparenza e con la volontà di promuovere le buone pratiche settoriali".

"Gli attacchi mediatici, la competizione globale e le sempre più articolate richieste dei clienti - concludono da Unic - richiedono importanti processi di adattamento e flessibilità, al fine di mantenere quote di mercato e combattere un momento di crisi che, nella percezione di molti operatori, rischia di assumere caratteristiche strutturali. Il dialogo continuo con i sindacati è importante per veicolare informazioni corrette al pubblico dei consumatori e sostenere l’immagine del settore, attualmente sotto attacco".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'uomo, di origini napoletane, era molto conosciuto nel comprensorio del cuoio dove viveva, e in Valdera. Aveva un'attività a Peccioli
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Politica

Attualità